L'ironia nelle opere di Wieland

Starting date
May 1, 2013
Duration (months)
48
Departments
Foreign Languages and Literatures
Managers or local contacts
Kofler Peter Erwin

Nell’ambito della letteratura tedesca Christoph Martin Wieland è considerato, prima e accanto a Goethe, come maestro dell’ironia, ironia che risulta essere il fondamento della sua narrativa dal periodo rococò (Agathon, 1766/67; Idris und Zenide e Musarion, 1768) fino agli Abderiten (1781), a Peregrinus Proteus (1791) e all’Aristipp (1800-02). Ciononostante, i lavori finora dedicati a questo aspetto centrale del pensiero e della produzione wielandiani sono pochissimi (E.Ermatinger, Wieland und die Ironie, 1948; H.P.H.Teesing, Ironie als dichterisches Spiel, 1981; J.Papior, Die Ironie im Spätwerk Wielands, 1988; qualche accenno all’interno del volume di R.Tschapke, Christoph Martin Wieland und die Rhetorik, 1990). Il progetto si propone pertanto di indagare sistematicamente gli aspetti ironici e le riflessioni sull’ironia nelle opere e nelle traduzioni di Wieland: urbanitas, grazia, poesia dello stile, scissioni dell’io narrante, metanarrazione, superamento dei confini tra stili, generi e codici. Saranno presi in particolare considerazione i rapporti con l’antichità (Platone, Aristofane, Luciano, Cicerone, Orazio, Quintiliano), con la letteratura europea moderna (Ariosto, Cervantes, Voltaire, Diderot, Sterne, Fielding) (per quanto riguarda questo aspetto sará dato particolare rilievo all’opera di mediazione di C.J.Jagemann) e con il concetto romantico di ironia. Spese di missione 5000 €.

Sponsors:

Funds: assigned and managed by the department

Project participants

Peter Erwin Kofler
Associate Professor
Research areas involved in the project
Letterature tedesca e austriaca
Germanic Cultural Studies and Mentalities
Letterature tedesca e austriaca
German literature: Individual authors or works

Activities

Research facilities