La natura e i suoi cicli. Poesia descrittiva e rappresentazione del paesaggio nel secolo XVIII.

Data inizio
1 ottobre 2005
Durata (mesi) 
6
Responsabili (o referenti locali)
Bertazzoli Raffaella

Il piano della ricerca per l’anno 2005-2006 prevede di concludere il lavoro iniziato negli anni precedenti con la pubblicazione di una monografia sulla tradizione della poesia descrittiva e sulla sua diffusione europea nel secolo XVIII. Il volume si articola in sezioni tematiche (poesia delle stagioni; il sublime alpino; poesia delle rovine, e altro) in rapporto alla trasformazione della cultura del paesaggio. I temi si rivolgono alle nuove cognizioni scientifiche e alle teorie dei fisico-teologi, alla filosofia della natura e alla meditazione sull’esistenza, che assume caratteri splenetici caratterizzanti di un individualismo di impronta preromantica. Verranno presi in considerazione testi noti e meno noti delle letterature europee. Un capitolo importante riguarda le traduzioni, numerosissime lungo tutto il secolo, analizzate nella loro funzione di veicoli del pensiero e di modelli di generi, ma anche come banco di prova per una teorizzazione dell’attività traduttiva in senso moderno.
Per il restante periodo dell'anno la sottoscritta sarà impegnata in una ricerca cofin dal titolo: "Riscrittura del sacro. Temi biblici e cristiani nella letteratura del Novecento".

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Raffaella Bertazzoli
Professore a contratto

Attività

Strutture