Testi letterari e semiletterari toscani fra Tre e Quattrocento: un consuntivo filologico

Data inizio
1 ottobre 2003
Durata (mesi) 
36
Responsabili (o referenti locali)
Zaccarello Michelangelo
Parole chiave
Critica del testo, Tradizione manoscritta, Edizione critica

Il presente progetto si inquadra nell'attiva partecipazione a una serie di iniziative recenti volte a realizzare repertori e strumenti che illustrino la tradizione testuale della letteratura italiana dei primi secoli, quali il seminario di Ascona dell'ottobre 2001 (La Letteratura Italiana: storia e tradizione dei testi) e il recentissimo progetto "Lirica italiana delle origini(LIO)" coordinato da Lino Leonardi per la Fondazione E. Franceschini di Firenze. In particolare, il progetto qui illustrato punta a individuare aree problematiche nel trattamento filologico ed editoriale di testi della nostra letteratura italiana antica. Le attività di ricerca che fanno capo al progetto includono: censimento dei testimoni (manoscritti e a stampa) che tramandano le opere in questione, eventuali integrazioni e rettifiche di repertori esistenti (da supportare con ispezione diretta degli originali, se necessario), segnalazione e descrizione di nuove testimonianze, verifica della metodologia e prassi editoriale adottata da precedenti editori, elaborazione di piattaforme metodologiche adeguate al contesto storico-tradizionale caratteristico dell'opera. Si privilegiano naturalmente testi del tutto inediti (ad es., l'anonimo canzonieretto burchiellesco presente nel Riccardiano 2725, sec. XV ex.), testi editi in tempi lontani e in modo ritenuto approssimativo (ad. es. il "Libro di buoni costumi di Paolo da Certaldo", sec. XIV), o testi per i quali siano emerse recentemente nuove testimonianze che impongono un ripensamento dell'approccio ecdotico (ad. es. il "Trecentonovelle" di Franco Sacchetti). L'insieme dei testi ritenuti meritevoli di ulteriore restauro filologico andrà a costituire un corpus da affrontare con strumenti metodologici aggiornati e strategie editoriali coerenti, a partire dall'interpretazione linguistica, con conseguente revisione dei criteri della resa grafico-fonetica, dell'uso di segni diacritici e della disposizione, strutturazione e corredo interpretativo del testo (paragrafazione, indicizzazione, spoglio linguistico, ecc.).

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Anna Maria Babbi
Professore a contratto
Michelangelo Zaccarello

Attività

Strutture