Textual and comparative studies (2020/2021)

Codice insegnamento
4S006146
Docente
Daniela Spina
Coordinatore
Daniela Spina
crediti
6
Settore disciplinare
L-FIL-LET/14 - CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
II semestre (Lingue e letterature straniere) dal 15-feb-2021 al 29-mag-2021.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Gli obiettivi formativi del corso sono volti ad acquisire una conoscenza approfondita del contesto storico, culturale e letterario in relazione al corso impartito; mirano a fornire informazioni utili a commentare, contestualizzare storicizzare testi appartenenti a diversi generi letterari nonché a sviluppare approfondite capacità di analisi. Sono intesi a formare una buona padronanza degli strumenti metodologici comparatistici, soprattutto in funzione dell’interpretazione, dell'analisi critica e dell’indagine ermeneutica dei testi. Il focus dell’insegnamento sarà rivolto alla sistematica comparazione del testo nel senso della sua originalità di monumentum, ma anche di documentum. Al termine dell’insegnamento, lo studente dovrà essere in grado di dimostrare di aver assorbito conoscenze alta-mente specializzate, relativamente alla capacità di com-prensione (knowledge and understanding); di aver totalmente acquisito una sistematica comprensione del settore specifico di studio e padronanza del metodo di ricerca ad esso associato. Infine, di aver la capacità di integrare le conoscenze e gestirne la complessità con un alto gra-do di autonomia in contesti più ampi (o interdisciplinari) (communication skills).

Programma

“L’Oceano Indiano come categoria comparatista”

Il corso di Textual and Comparative Studies propone lo studio di testi provenienti da diverse culture letterarie dell’Oceano Indiano, attraverso la pratica del close reading. Dalla letteratura della Grecia antica alle letterature postcoloniali, l’Oceano Indiano si presta ad essere, in quanto spazio mobile e ibrido, luogo letterario privilegiato per la rappresentazione delle vite di chi lo abita e di chi lo transita. Negli ultimi venti anni, abbiamo assistito ad un crescente interesse accademico verso quest’immensa area di mondo, considerata come spazio letterario, geo-politico e storiografico. Notevole è anche il numero di lavori comparatisti che scelgono l’Oceano Indiano come categoria chiave per l’interpretazione di una serie di testi appartenenti a differenti tradizioni letterarie. Data la vastità del mondo letterario raccontato dall’Oceano Indiano e il pericolo di dispersione epistemologica che s’incorre nel comparare opere così geograficamente distanti, il metodo del close reading ci guiderà nell’analisi testuale e critica di opere pubblicate da autori provenienti da Madagascar, Mozambico, Mauritius, Sri Lanka e India.

Modalità didattiche:
Il corso è composto da lezioni frontali (60%) e lezioni seminariali (40%). Le lezioni frontali serviranno alla docente per introdurre gli studenti ai testi teorici e di metodologia, mentre, durante le lezioni seminariali, gli studenti saranno invitati a mettere in pratica il metodo del close reading sui testi letterari. Inoltre, gli studenti potranno avanzare proposte di lettura secondo i propri interessi scientifici o gusti letterari e a privilegiare, quando possibile, la lettura dei testi in lingua originale. Riguardo la reperibilità delle fonti bibliografiche, qualora queste non fossero accessibili presso le Biblioteche dell’Ateneo, la docente si incaricherà di renderle disponibili agli studenti in formato digitale. In presenza di studenti internazionali, non fluenti in italiano, le lezioni saranno impartite in lingua inglese.

Modalità d'esame

L’esame consisterà nella redazione di un saggio critico (circa 6000 parole, bibliografia e note incluse) in cui gli studenti saranno invitati a mettere in pratica gli strumenti teorici e metodologici appresi durante il corso. Sarà richiesto di comparare due o più testi letterari a loro scelta tra la lista bibliografica disponibile, o esterni a questa, attinenti al proprio percorso formativo. In alternativa, si potrà optare per la stesura di un saggio meramente teorico. Il lavoro sarà discusso in sede di esame orale, dove gli studenti argomenteranno le proprie posizioni, mettendo in relazione i contenuti del proprio lavoro con i temi dibattuti durante il corso. Inoltre, il saggio dovrà essere consegnato almeno due settimane prima della data dell’appello e potrà essere redatto in una lingua a scelta dello studente tra italiano e inglese. Gli studenti non frequentanti, ai quali saranno richieste alcune letture integrative, sono invitati a contattare la docente.

Testi e materiali d’esame:
Testi teorici
Shanti Moorthy. Ashraf Jamal (org.) (2010). Indian Ocean Studies: cultural, social and political perspectives. New York e Londra: Routledge, pp. 1-31.
Isabel Hofmeyr (2012). “The complicating sea: the Indian Ocean as method.” In Comparative Studies of South Asia, Africa and the Middle East, vol. 32, n. 3, pp. 584-90.
Isabel Hofmeyr (2007). “The Black Atlantic meets the Indian Ocean: forging new paradigms of transnationalism for the Global South – literary and cultural perspectives”. In Social Dynamics: a journal of African Studies, vol. 33, nº 2, pp. 3-32.
Anupama Mohan (2019). “Introduction. The contours of a field: literatures of the Indian Ocean”. In Postcolonial Text, vol. 14, n. 3 e 4, pp. 1-12.
Moradewun Adejunmobi (2009). “Claiming the field: Africa and the space of Indian Ocean literature”. In Callaloo, vol. 32, n. 4, pp. 1247-1261.
Marina Carter e Khal Torabully (2002). Coolitude: an anthology of the Indian labour diaspora. Londra: Anthem Press, pp. 1-16, 143-159.
César Dominguez. Haun Saussy. Darío Villanueva (org.) (2015). Introducing Comparative Literature: new trends and applications. Oxford & New York: Routledge (per approfondimenti individuali).

Testi letterari
Léopold Sédar Senghor (2019). Anthologie de la nouvelle poésie nègre et malgache de langue française. Paris: Presses Universitaires de France.
João Paulo Borges Coelho (2017). Indizi indiani. Perugia: Urogallo. In alternativa, è possibile leggere il libro in portoghese (Índicos indícios: estórias. Lisboa: Editorial Caminho. 2005-2006).
Khal Torabully (2015). En cantos coolies. Granada: Valparaíso (edizione con testo a fronte in francese e spagnolo).
Romesh Gunesekera (1996). Reef. New York: Riverhead.
Amitav Ghosh (2015). Diluvio di fuoco. Vicenza: Neri Pozza Editore. In alternativa, è possibile leggere il libro in inglese (Flood of fire. New York: Farrar, Straus and Giroux. 2015).