Apprendimento delle lingue (2016/2017)

Codice insegnamento
4S001146
Docente
Serena Dal Maso
Coordinatore
Serena Dal Maso
crediti
9
Settore disciplinare
L-LIN/02 - DIDATTICA DELLE LINGUE MODERNE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
II SEMESTRE dal 27-feb-2017 al 10-giu-2017.

Orario lezioni

II SEMESTRE
Giorno Ora Tipo Luogo Note
martedì 8.30 - 10.10 lezione Aula T.6  
giovedì 15.10 - 16.50 lezione Aula T.8  
venerdì 13.30 - 15.10 lezione Aula T.8  

Obiettivi formativi

L’obiettivo del corso è di fornire agli studenti un quadro delle principali teorie proposte per descrivere e rendere conto del processo di acquisizione della prima (L1) e della seconda lingua (L2) e di approfondire i più recenti contributi sull’acquisizione delle strutture grammaticali e del lessico da parte di apprendenti L2, sia spontanei che guidati. Al termine del corso, gli studenti saranno in possesso degli strumenti analitici per descrivere le interlingue di apprendenti con livelli di competenza diversi e per rendere conto di fenomeni linguistici caratteristici del processo di acquisizione. Lo studente sarà inoltre in grado di riflettere sui diversi meccanismi psicolinguistici che guidano l’apprendimento e l’acquisizione delle lingue.

Programma

Il corso introduce alle nozioni fondamentali della glottodidattica (differenza tra acquisizione e apprendimento; L1, L2 e LS; apprendimento spontaneo e guidato; input e intake; sequenza di apprendimento; motivazione; fossilizzazione etc.) e discute in prospettiva storica le principali teorie proposte per spiegare i processi di apprendimento della L1 e L2: comportamentismo, innatismo, cognitivismo. In questo quadro verranno particolarmente approfondite la Contrastive Analysis Hypothesis, la Error Analysis (Pitt Corder) e l’approccio dell’interlingua (Selinker), l’apporto dell’innatismo e la Monitor Hypothesis di Krashen. Si approfondiranno inoltre i recenti studi sul ruolo della memoria nell’acquisizione delle lingue e sulle implicazioni di queste teorie sull’elaborazione (processing) delle lingue (L1 eL2). Infine, verranno discussi i fattori che causano variabilità individuale dell’apprendimento, in particolare l’età, l’attitudine e la motivazione.
Bibliografia di riferimento:
BETTONI C., 2001, Imparare un'altra lingua. Lezioni di linguistica applicata, Bari-Roma, Laterza.
Ulteriori indicazioni bibliografiche potranno essere fornite durante le lezioni.

Programma e bibliografia sono gli stessi per tutti gli studenti, sia frequentanti sia non frequentanti

Modalità d'esame

L’esame verificherà le competenze teoriche acquisite dagli studenti durante il corso e la loro capacità di applicarle alla descrizione dei fenomeni linguistici tipici dell’acquisizione.
L’esame consiste in una prova scritta propedeutica obbligatoria e una prova orale. La prova scritta si terrà nella data dell’appello ufficiale. I risultati delle prove scritte verranno pubblicati sulla piattaforma e-learning del corso nei giorni immediatamente successivi alla prova, assieme alla programmazione degli orali integrativi.
La prova scritta dura 1:30 e comprende una quindicina di domande aperte, cui è richiesta una risposta puntuale, o di esercizi vòlti all’accertamento della capacità di riconoscere, descrivere e spiegare i maggiori fenomeni linguistici che caratterizzano i processi di acquisizione. L’orale consiste in un colloquio sul programma del corso.
Le domande verteranno su tutti gli argomenti del programma, sia quelli trattati in aula durante le lezioni, sia quelli preparati in maniera autonoma dagli studenti sui testi indicati.

I criteri in base ai quali verranno valutate le prove sono:
- correttezza sostanziale delle risposte ed esaustività dei contenuti
- possesso di adeguate capacità di analisi
- chiarezza espressiva e la capacità argomentativa (specificamente, padronanza espressiva e conoscenza del linguaggio specifico della materia)

Opinione studenti frequentanti - 2016/2017