Guida dello studente
Facoltà di Lingue e letterature straniere

Anno Accademico 2006/2007

Guida generata il 09/10/2006

Corso di Laurea in Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale

Elenco docenti

Nome E-mail Telefono
Chiara Battisti  chiara.battisti@univr.it  + 39045802 8410 
Massimo Bianca  massimo.bianca@univr.it  +39 045 802 8406 
Lisanna Calvi  lisanna.calvi@univr.it   
Francesca Dalle Pezze  francesca.dallepezze@univr.it  + 39 045 802 8571 
Marta Degani  marta.degani@univr.it  +39 045 802 8728 
Cinzia De Lotto  cinzia.delotto@univr.it  +39 045 802 8405 
Cesare Gagliardi  cesare.gagliardi@univr.it  +39 045 802 8540 
Antonella Gallo  antonella.gallo@univr.it  +39 045 802 8466 
Arturo Larcati    + 39 045 802 8312 
Pierluigi Ligas  pierluigi.ligas@univr.it  +39 045 802 8408 
Caterina Martinelli  caterina.martinelli@univr.it  + 39 045 802 8663 
Paolo Pellegrini  paolo.pellegrini@univr.it  +39 045 802 8330 
Annalisa Pes  annalisa.pes@univr.it  +39 045802 8580 
Franco Piva  franco.piva@univr.it  +39 045 802 8507 
Stefan Rabanus  stefan.rabanus@univr.it  +39 045 802 8315 
Claudia Robiglio  claudia.robiglio@univr.it  045/8028100 
Rosa Maria Rodriguez Abella  rosa.rodriguez@univr.it  +39 045 802 8571 
Giovanna Siedina  giovanna.siedina@univr.it  +39 045 802 8405 
Francesca Simeoni  francesca.simeoni@univr.it  + 39 045 802 8160 
Francesco Vecchiato  francesco.vecchiato@univr.it  + 39 045 802 8481 
Michelangelo Zaccarello  michelangelo.zaccarello@univr.it  +39 045 802 8330 

Elenco periodi

Nome periodo dal al
esami
Appelli facoltativi  30/11/2006  02/12/2006 
Sessione esami invernale  21/01/2007  24/02/2007 
Sessione esami estiva  04/06/2007  21/07/2007 
Sessione esami autunnale  03/09/2007  29/09/2007 
lauree
Sessione di laurea autunnale  27/11/2006  29/11/2006 
Sessione di laurea invernale  26/03/2007  30/03/2007 
Sessione di laurea estiva  25/06/2007  29/06/2007 
lezione
1 semestre  02/10/2006  20/01/2007 
2 semestre  26/02/2007  01/06/2007 
vacanze
vacanze natalizie  21/12/2006  07/01/2007 
vacanze pasquali  05/04/2007  10/04/2007 
Santo Patrono  21/05/2007  21/05/2007 

Elenco degli insegnamenti attivati

Insegnamenti del 1 semestre
Economia e gestione delle imprese [Commercio Internazionale]
Economia e gestione delle imprese [Turismo]
Lineamenti di diritto commerciale e della concorrenza
Lineamenti di diritto commerciale e dell'impresa
Lingua francese I
Lingua inglese I [A - E]
Lingua inglese I [F - O]
Lingua inglese I [P - Z]
Lingua italiana [Commercio Internazionale]
Lingua italiana [Turismo]
Lingua russa I
Lingua spagnola I [Commercio Internazionale]
Lingua spagnola I [Turismo]
Lingua tedesca I [Commercio Internazionale]
Lingua tedesca I [Turismo]
Storia contemporanea
Insegnamenti del 2 semestre
Geografia economico politica
Geografia economico-turistica e organizzazione del territorio
Letteratura francese I
Letteratura inglese I [A - E]
Letteratura inglese I [F - O]
Letteratura inglese I [P - Z]
Letteratura russa I
Letteratura spagnola I [Commercio Internazionale]
Letteratura spagnola I [Turismo]
Letteratura tedesca I [Commercio Internazionale]
Letteratura tedesca I [Turismo]
Storia contemporanea e commercio internazionale

Programma degli insegnamenti

Economia e gestione delle imprese [Commercio Internazionale]
Docente:  Francesca Simeoni
Crediti:  6.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Fornire ai partecipanti le conoscenze fondamentali relativamente alla natura, alle funzioni, alle logiche di funzionamento, di gestione e di direzione di un’organizzazione imprenditoriale. Acquisire le nozioni e le modalità principali per la formulazione di una strategia tesa al raggiungimento di una posizione di vantaggio competitivo in contesti internazionali.
Programma:  L’impresa in un contesto internazionale
– l’impresa come sistema relazionale
– l’impresa e l’ambiente in cui agisce: approfondimenti sugli effetti della globalizzazione
– i fini del decisore aziendale e le funzioni dell’impresa
– la nascita dell’impresa: una rivisitazione dei fattori produttivi
– risorse materiali ed immateriali dell’impresa
– l’impresa come processo decisionale: i criteri di efficienza ed efficacia
– imprenditorialità e managerialità

I modelli quantitativi a supporto delle decisioni aziendali
– le valutazioni di convenienza economica tra scelte di breve e lungo periodo
– le analisi di convenienza di breve periodo: il margine di contribuzione ed il punto di equilibrio
– il dimensionamento della capacità produttiva
– le analisi di convenienza di lungo periodo: la valutazione e scelta degli investimenti
– le decisioni di make or buy tra integrazione e decentramento
– il problema degli investimenti immateriali

La gestione strategica
– la strategia tra studio dei concorrenti e valorizzazione delle risorse aziendali
– l’analisi del contesto competitivo internazionale
– le possibili vie dello sviluppo
– lo sviluppo internazionale
– la via della differenziazione competitiva
– i processi di diversificazione
– le relazioni non competitive tra imprese

L’organizzazione dell’impresa e le risorse umane
– il divenire dei modelli organizzativi in un contesto internazionale
– il ruolo delle persone: creatività e motivazione
– sul significato di qualità nell’economia d’impresa

Bibliografia

- Modelli quantitativi a supporto delle decisioni aziendali, in corso di pubblicazione.
Altre fonti bibliografiche indicate all’inizio delle lezioni (che verranno comunque pubblicate anche sul sito della dott.ssa Simeoni).
Inoltre:
- per gli studenti frequentanti: appunti dalle lezioni
- per gli studenti non frequentanti: S. Sciarelli, Estratto da Economia e gestione dell’impresa, Cedam, Padova, 2001, limitatamente ai capitoli 1, 2, 3, 4, 5, 6, 8, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 18, 22
Modalità di esame:  L’esame consiste in una prova scritta e, per chi consegue una valutazione positiva, in una prova orale. Tale prova si terrà in un momento successivo, che sarà definito nel corso della prova scritta, in relazione al numero degli iscritti all’appello.
 
Economia e gestione delle imprese [Turismo]
Docente:  Francesca Simeoni
Crediti:  6.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Fornire ai partecipanti le conoscenze fondamentali relativamente alla natura, alle funzioni, alle logiche di funzionamento, di gestione e di direzione di un’organizzazione imprenditoriale. Acquisire le nozioni e le modalità principali per la formulazione di una strategia tesa al raggiungimento di una posizione di vantaggio competitivo, in particolare per una località turistica.
Programma:  Che cosa è un’impresa: approfondimenti sul settore turistico
– l’impresa come sistema relazionale
– l’impresa e l’ambiente in cui agisce
– i fini del decisore aziendale e le funzioni dell’impresa
– la nascita dell’impresa: una rivisitazione dei fattori produttivi
– l’impresa del settore turistico
– risorse materiali ed immateriali dell’impresa
– l’impresa come processo decisionale: i criteri di efficienza ed efficacia
– imprenditorialità e managerialità

I modelli quantitativi a supporto delle decisioni aziendali
– le valutazioni di convenienza economica tra scelte di breve e lungo periodo
– le analisi di convenienza di breve periodo: il margine di contribuzione ed il punto di equilibrio
– il dimensionamento della capacità produttiva
– le analisi di convenienza di lungo periodo: la valutazione e scelta degli investimenti
– le decisioni di make or buy tra integrazione e decentramento
– il problema degli investimenti immateriali

La gestione strategica
– la strategia tra studio dei concorrenti e valorizzazione delle risorse aziendali
– l’analisi del contesto competitivo
– le possibili vie dello sviluppo
– la via della differenziazione competitiva
– i processi di diversificazione
– le relazioni non competitive tra imprese

L’organizzazione dell’impresa e le risorse umane
– il divenire dei modelli organizzativi
– il ruolo delle persone: creatività e motivazione
– sul significato di qualità nell’economia d’impresa: cenni sulla qualità nei servizi

Bibliografia
- Modelli quantitativi a supporto delle decisioni aziendali, in corso di pubblicazione.
Altre fonti bibliografiche indicate all’inizio delle lezioni (che verranno comunque pubblicate anche sul sito della dott.ssa Simeoni).
Inoltre:
- per gli studenti frequentanti: appunti dalle lezioni
- per gli studenti non frequentanti: S. Sciarelli, Estratto da Economia e gestione dell’impresa, Cedam, Padova, 2001, limitatamente ai capitoli 1, 2, 3, 4, 5, 6, 8, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 18, 22
Modalità di esame:  L’esame consiste in una prova scritta e, per chi consegue una valutazione positiva, in una prova orale. Tale prova si terrà in un momento successivo, che sarà definito nel corso della prova scritta, in relazione al numero degli iscritti all’appello.
 
Geografia economico politica
Docente:  Claudia Robiglio
Crediti:  4.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso ha l’obiettivo di sviluppare competenze relative all'analisi degli aspetti economici e paesaggistici del territorio e degli assetti reticolari delle relazioni materiali e immateriali dei vari settori produttivi e dei servizi. Tutto ciò attraverso le metodologie proprie della geografia economica e con approfondimenti sulle politiche generali e settoriali.
Programma:  Il corso introduce lo studente allo studio della geografia economica dei vari settori produttivi e dei servizi (soprattutto quelli legati ai trasporti), con qualche riferimento anche alla geografia del turismo. Verranno effettuate numerose applicazioni a livello regionale e padano, nel cui ambito verranno evidenziate le politiche generali e di settore.
Per i tre settori, primario, secondario e terziario, verranno esaminate l’evoluzione temporale e l’organizzazione attuale alla luce delle politiche più recenti, ponendo l’accento sul fenomeno della terziarizzazione e sulle caratteristiche dell’economia post-industriale e dei paesaggi ad essa collegati. A tal fine ci si avvarrà, tra l’altro, del supporto di materiale cartografico e della documentazione statistica disponibile (Censimenti ISTAT, documenti prodotti a livello regione, provinciale, camerale etc.), che verrà analizzata soprattutto dal punto di vista metodologico.
Sono previsti seminari mirati con rappresentanti delle istituzioni, esperti e studiosi specializzati su singole tematiche. Le lezioni saranno supportate dalla proiezione di video e dalla presentazione e analisi di altri materiali idonei di varia natura.

Bibliografia

- Appunti delle lezioni;
M. Dinucci, Il Sistema Globale, Bologna, Zanichelli, 2004 (Introduzione a tutti i moduli e unità: Modulo B: 1-6; Modulo C: 1-3; Modulo D: 1-3; Modulo E: 1-3, Modulo G: 1, (2 e 3 solo lettura), 4, (5 solo lettura); più due unità a scelta dello studente). (Lo studente che dovesse essere in possesso dell’edizione Zanichelli, 1998 si attenga alle indicazioni che seguono: introduzione a tutti i moduli e unità: 1, 2, 4, 5, 7, 9, 12, 21-25, 28, 31, 32, 51 più due a scelta libera);
C. Robiglio, Veronaest. Le attività economiche e il territorio. Approcci e metodi per lo studio di territori complessi, Univ. di Verona, CCIAA di Verona, Univ. di Trieste, 2006.
C. Robiglio (a cura di), Il Veronese e gli itinerari turistico-culturali, Verona, CCIAA di Verona, 2003 (disponibile in fotocopie)
Durante le lezioni sarà reso disponibile altro materiale didattico e verranno indicati i siti Internet da consultare per gli approfondimenti che si renderanno necessari.
Gli studenti sono inoltre tenuti a munirsi di:
- Atlante geografico recente
- Atlante stradale d’Italia 1:200.000 (Centro-nord, TCI)
- Carta del Veneto 1:200.000
- Una Carta Topografica 1:25.000 dell’ IGM (indicazioni specifiche verranno fornite nel corso delle lezioni)
Modalità di esame:  Prova scritta, domande aperte. Risposta a tre domande. E’ consigliata anche l’illustrazione grafica e/o cartografica, se opportuna.
 
Geografia economico-turistica e organizzazione del territorio
Docente:  Caterina Martinelli
Crediti:  4.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso ha l’obiettivo di sviluppare competenze relative all'analisi degli aspetti economici e paesaggistici del territorio e degli assetti reticolari delle relazioni materiali e immateriali dei vari settori produttivi e dei servizi con particolare riferimento al settore turistico. Tutto ciò attraverso le metodologie proprie della geografia economica e turistica.
Programma:  Il corso introduce lo studente allo studio della geografia economico-turistica mettendo in evidenza le relazioni che intercorrono tra il turismo e i vari settori produttivi e dei servizi; sarà in particolare sottolineata l’organizzazione del territorio derivante dall’evoluzione dei diversi fatti economico-turistici in relazione con le politiche adottate a livello istituzionale. Per i tre settori, primario, secondario e terziario, verranno esaminate l’evoluzione temporale e l’organizzazione attuale, ponendo l’accento sul fenomeno della terziarizzazione e sulle caratteristiche dell’economia post-industriale e dei paesaggi ad essa collegati, con particolare riguardo agli aspetti che interessano il turismo. Numerose le applicazioni a livello regionale e locale, nel cui ambito si evidenzieranno le politiche generali e di settore. Si affronterà la lettura di regioni culturali mettendo in luce le modalità con le quali queste possono essere introdotte al turista. Nello svolgimento del programma ci si avvarrà, tra l’atro, del supporto della documentazione statistica disponibile (Censimenti ISTAT, documenti prodotti a livello regione, provinciale, camerale etc…), che verrà analizzata soprattutto dal punto di vista metodologico, nonché di video e di altri materiali idonei di varia natura.

Bibliografia

- Appunti delle lezioni;
- M. Dinucci, Il Sistema Globale, Bologna, Zanichelli, 2004
(Introduzione a tutti i moduli e unità: Modulo B: 1-6; Modulo C: 1-3; Modulo D: 1-3; Modulo E: 1-3, Modulo G: 1, (2 e 3 solo lettura), 4, (5 solo lettura); più due unità a scelta dello studente. Lo studente che dovesse essere in possesso dell’edizione Zanichelli, 1998 si attenga alle indicazioni che seguono: introduzione a tutti i moduli e unità: 1, 2, 4, 5, 7, 9, 12, 21-25, 28, 30, 31, 32, 51 più due a scelta libera);
- P. Innocenti, Geografia del turismo, Roma, Carocci, 1998;
- C. Robiglio (a cura di), Il Veronese e gli itinerari turistico-culturali, CCIAA di Verona, Verona, 2003 (disponibile in fotocopie)
In itinere sarà reso disponibile altro materiale didattico e verranno indicati i siti Internet da consultare per gli approfondimenti che si renderanno necessari.
Gli studenti sono inoltre tenuti a munirsi di:
- Atlante geografico recente;
- Atlante stradale d’Italia 1:200.000 (Centro Nord - TCI)
- Carta del Veneto: 1:200.000
- Una Carta Topografica 1:25.000 dell’IGM (indicazioni specifiche verranno fornite nel corso delle lezioni)
Modalità di esame:  Prova scritta, domande aperte. E’ consigliata anche l’illustrazione grafica e/o cartografica, se opportuna.
 
Letteratura francese I
Docente:  Franco Piva
Crediti:  3.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso si propone di offrire agli studenti un panorama della Francia e dei Francesi d’oggi attraverso l’esame di alcuni degli aspetti che meglio sembrano caratterizzare la storia e la società del paese d’Oltralpe.
Programma:  «Alcuni sguardi sulla Francia d’oggi»

Oltre a presentare brevemente la Francia, il corso di propone di illustrare il carattere tipico della storia e della cultura francesi attraverso l’esame di alcuni dei suoi aspetti più tipici come le istituzioni politiche, amministrative e sociali, la laicità, l’atteggiamento della Francia nei riguardi dell’immigrazione, il posto della donna nella società francese, ecc.

Bibliografia

AA. VV. France, Paris, La Documentation française, 2005. Altre indicazioni saranno date all’inizio del corso.
Modalità di esame:  L’esame consisterà in un colloquio nel corso del quale lo studente dovrà dimostrare di conoscere, seppure nelle linee essenziali, gli aspetti principali dell’attuale società francese.
 
Letteratura inglese I [A - E]
Docente:  Chiara Battisti
Crediti:  3.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  “Dal genere al gender: donne in ‘the house of fiction’”. Il corso si propone di offrire un’introduzione critico-metodologica allo studio della cultura e letteratura inglese moderna e contemporanea con una particolare attenzione alla scrittura narrativa femminile.
Programma:  Testi
- C. Brontë, Jane Eyre (1847)
- V. Woolf, Orlando (1928)
- A. Carter, The Bloody Chamber (1979)

Opere critiche
- F. Marucci, Il Vittorianesimo, Bologna, Il Mulino, 1991(I seguenti capitoli: Introduzione; Premesse a tutte le parti; La temperie Vittoriana; La teoria del romanzo; L’Inghilterra Vittoriana).
- G. Cianci (a cura di), Modernismo/Modernismi-Dall’avanguardia storica agli anni Trenta e oltre, Milano, Principato. (I seguenti capitoli: Introduzione Modernismo/Modernismi; La coscienza narrativa tra vecchio e nuovo secolo; Le poetiche dell’Impersonalità; La rottura dei codici; Coscienza e scrittura femminile).
- D. Carpi, L’ansia della scrittura, Napoli, Liguori, 1995. (I seguenti capitoli: Premessa, Primo Capitolo e un capitolo a scelta su scrittrici femminili).

Manuali e dizionari
Il manuale di riferimento per il contesto storico-letterario, 1830-2007, andrà scelto fra:
- D. Daiches, A Critical History of English Literature, vol. 3 (anche nella traduzione italiana, Storia della letteratura inglese, ed. Garzanti, 1998)
- M. Praz, Storia della letteratura inglese, Sansoni (ultima edizione)
- A. Sanders, The Short Oxford History of English Literature, Clarendon Press, 1996

Si consigliano inoltre, per la lettura dei testi e la pronuncia, i dizionari: Collins Cobuilt, English Language Dictionary, Collins, 2001; F. Picchi, Grande dizionario Inglese/Italiano, Italiano/Inglese, Hoepli, 1999; A. Marchese, Dizionario di retorica e stilistica, Mondadori, 2002; J.C. Wells, Longman Pronouncing Dictionary, Collins, 2001.

Avvertenze generali
Ulteriori precisazioni bibliografiche e materiale critico saranno forniti nel corso delle lezioni.
I testi in programma vanno letti in inglese.
Gli studenti non frequentanti sono invitati a contattare la docente per le indicazioni relative al programma d’esame.
Modalità di esame:  Esame orale.
 
Letteratura inglese I [F - O]
Docente:  Lisanna Calvi
Crediti:  3.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  «Victorian types: the revival of biblical typology».
Il corso si propone di indagare, attraverso una scelta di opere, il recupero di percorsi narrativi e poetici legati alle Sacre Scritture e, in particolare, all’esegesi tipica. Nella seconda metà dell’Ottocento, l’impiego di tipi o figure bibliche tende alla costruzione di una maschera dietro la quale l’autore o il poeta osservano la realtà da un luogo privilegiato e protetto per restituire un’individualità filtrata attraverso il referente scelto. Tale «revival» accompagna la crisi religiosa che l’epoca registra, facendosi nutrimento ulteriore dell’immaginazione letteraria.
Programma:  Testi

R. Browning, «One Word More», in Men and Women (1855).
R. Browning, «Caliban Upon Setebos», in Dramatis Personae (1864).
G. M. Hopkins, «A Soliloquy of One of the Spies left in the Wilderness» (1864), in Poems (1918).
E. Gosse, Father and Son (1907), ed. Penguin.

Opere critiche

A. Righetti, «Introduzione» in R. Browning, Poems – Poesie, Mursia, 1990, pp. 5-33
G. P. Landow, Victorian Types, Victorian Shadows. Biblical Typology in Victorian Literature, Art and Thought, Routledge & Kegan Paul, 1980, pp. 3-63; 179-187.
H. Henderson, The Victorian Self. Autobiography and Biblical Narrative, Cornell University Press, 1989, pp. 119-158.
L. H. Peterson, «Biblical Typology and the Self-Portrait of the Poet in Robert Browning», in George P. Landow (edited by), Approaches to Victorian Autobiography, Ohio University Press, 1979, pp. 235-268.

Manuali e dizionari

Il manuale di riferimento per il contesto storico-letterario andrà scelto fra:

D. Daiches, A Critical History of English Literature, vol. 3 (anche nella traduzione italiana, Storia della letteratura inglese, ed. Garzanti, 1998).
M. Praz, Storia della letteratura inglese, Sansoni (ultima edizione).
A. Sanders, The Short Oxford History of English Literature, Clarendon Press, 1996.

Si consigliano inoltre, per la lettura dei testi e per la pronuncia, i dizionari:

Collins Cobuilt, English Language Dictionary, Collins, 2001; F. Picchi, Grande dizionario Inglese/Italiano, Italiano/Inglese, Hoepli, 1999; A. Marchese, Dizionario di retorica e stilistica, Mondadori, 2002; J.C. Wells, Longman Pronouncing Dictionary, Collins, 2001, A. Marchese, L’officina della poesia, Mondadori, 1997.

Avvertenze
Ulteriori precisazioni bibliografiche e indicazioni sul reperimento del materiale saranno fornite nel corso delle lezioni.
I testi in programma vanno letti in inglese.
Gli studenti non frequentanti sono invitati a contattare la docente in merito alla preparazione del programma.
Modalità di esame:  Esame orale.
 
Letteratura inglese I [P - Z]
Docente:  Annalisa Pes
Crediti:  3.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  “Daughters, wives and outsiders: gender and ethnic hierarchy”. Il corso si propone di esaminare, attraverso l’analisi dei testi in programma, alcune rappresentazioni dell’identità femminile percepita nell’Inghilterra vittoriana e imperialista come “Alterità”/“Otherness” e subordinata ai canoni dell’autorità patriarcale e “orientalista”.
Programma:  Testi
C. Brontë, Jane Eyre (1847)
A. Conan Doyle, “The Adventure of the Speckled Band” (1892)
J. Rhys, Wide Sargasso Sea (1966)

Opere critiche
F. Azim, The Colonial Rise of the Novel, London, Routledge, 1993, pp. 172-97.
S.M. Gilbert and S. Gubar, “A Dialogue of Self and Soul: Plain Jane’s Progress” in The Madwoman in the Attic, New Haven, Yale University Press, 1979. pp. 336-71.
S. Albertazzi, Lo sguardo dell’Altro, Roma, Carocci, 2000

Manuali e Dizionari
Il manuale di riferimento per il contesto storico-letterario, 1830-2007, andrà scelto fra:
D. Daiches, A Critical History of English Literature, vol. 3 (anche nella traduzione italiana, Storia della letteratura inglese, ed. Garzanti, 1998)
M. Praz, Storia della letteratura inglese, Sansoni (ultima edizione)
A. Sanders, The Short Oxford History of English Literature, Clarendon Press, 1996

Si consigliano inoltre, per la lettura dei testi e la pronuncia, i dizionari: Collins Cobuilt, English Language Dictionary, Collins, 2001; F. Picchi, Grande dizionario Inglese/Italiano, Italiano/Inglese, Hoepli, 1999; A. Marchese, Dizionario di retorica e stilistica, Mondadori, 2002; J.C. Wells, Longman Pronouncing Dictionary, Collins, 2001.

Avvertenze
Ulteriori e più precise indicazioni bibliografiche verranno fornite all’inizio del corso
I testi in programma vanno letti in inglese.
Gli studenti impossibilitati a frequentare sono invitati a contattare la docente per le indicazioni relative al programma.
Modalità di esame:  Esame orale.
 
Letteratura russa I
Docente:  Cinzia De Lotto
Crediti:  3.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso ha come obiettivo di introdurre gli studenti allo studio della civiltà e della letteratura russa.
Il corso si propone di individuare e sviluppare gli aspetti più significativi della letteratura russa moderna attraverso un approccio critico ad alcuni fondamentali testi di prosa e di poesia, condotto utilizzando le principali metodologie critiche.
Programma:  Approccio all'analisi del testo.

Bibliografia
— Aa.vv., I formalisti russi, a cura di T. Todorov, Torino, Einaudi, 1968 (e succ.)
— A. Marchese, Dizionario di retorica e stilistica, Milano, Mondadori, 1978 (e succ.)
— A. Marchese, L’officina del racconto, Mondadori, Milano, 1983 (e succ.)
— A. Casadei, La critica letteraria del Novecento, Bologna, Il Mulino, 2001

Avvertenze
È vivamente consigliata la frequenza. Gli studenti non frequentanti dovranno concordare il programma con la docente.
Il corso si svolgerà in lingua italiana, con un approccio guidato alla lettura di brevi testi in lingua russa, adeguati alle conoscenze degli studenti del primo anno di corso. Gli studenti che non studiano la lingua russa potranno concordare letture alternative con la docente.
Modalità di esame:  L'esame si svolge in forma orale.
 
Letteratura spagnola I [Commercio Internazionale]
Docente:  Antonella Gallo
Crediti:  3.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso è articolato in un unico modulo e si propone di individuare e sviluppare gli aspetti più significativi della letteratura, e più in generale della cultura spagnola, del primo Novecento con il sussidio di una metodologia critica. Sullo sfondo di un panorama storico-culturale del periodo sopracitato, con particolare approfondimento dei movimenti letterari dell’epoca, saranno presentate ed analizzate tre opere di poesia, teatro e narrativa, tra le più rappresentative del Novecento spagnolo.
Programma:  PARTE 1. «Storia della letteratura spagnola: dalla crisi di fine secolo (Generazione del 1898) alla Generazione del ’27»

Manuali
- F.B. Pedraza Jiménez e M. Rodríguez Cáceres, Las épocas de la literatura española, Barcelona, Ariel, 1997 (capp. 8-9)
- M.G. Profeti, a cura di, L'età contemporanea della letteratura spagnola: il Novecento, Firenze, La Nuova Italia, 2001, pp. 1-309.

PARTE 2. «Lettura testi»

La preparazione dell'esame comporta la lettura di 3 testi in lingua spagnola. Tutti sono reperibili in edizioni accessibili; si consigliano, in particolare, le edizioni Cátedra o Castalia, con le relative introduzioni. Per facilitare lo studio agli studenti principianti, si fa presente che sono ammesse le edizioni con il testo a fronte e si segnalano le seguenti traduzioni dei testi in programma: R. del Valle Inclán, Il defunto va di gala, a cura di P. Ambrosi, Pisa, Edizioni ETS, 1999; R. Alberti, Degli angeli, a cura di V. Bodini, Torino, Einaudi, 1966 e succ. ristampe (anche in V. Bodini, vol. I, cit. in bibliografia); M. de Unamuno, Nebbia, Roma, Fazi, 1997. I testi n° 3 e 4 sono in alternativa.

Testi
1. M. De Unamuno, Niebla.
2. R. Del Valle-Inclán, Las galas del difunto
3. F. García Lorca, Romancero gitano.
4. R. Alberti, Sobre los ángeles.

Opere critiche (solo di consultazione):
V. Bodini, I poeti surrealisti spagnoli, (introduzione), Torino, Einaudi, 1988
P. Salinas, Literatura española. Siglo XX, Madrid, Alianza, 2001

Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno eventualmente indicate durante il corso. In particolare, per gli studenti frequentanti sarà predisposta una dispensa, di consultazione, con materiali di approfondimento del programma indicato.

Il programma vale anche per gli studenti non frequentanti.
Modalità di esame:  Per gli studenti frequentanti è prevista una prova scritta di fine corso (test) riguardante la Storia della letteratura (Parte I) e i contenuti sviluppati nel corso medesimo. Per chi supera la prova di fine corso, l’esame orale, da sostenere negli appelli previsti dalla Facoltà, verterà esclusivamente sulla Parte II; esso si svolgerà in italiano, ma verrà richiesto di leggere, tradurre e commentare un brano dei testi in programma, per cui si consiglia di sostenere l’esame una volta acquisita una competenza linguistica almeno corrispondente al livello B1. Per gli studenti non frequentanti, valgono le indicazioni bibliografiche sopra indicate, facendo presente che l’esame non è suddivisibile in moduli e va sostenuto nella sua interezza.
 
Letteratura spagnola I [Turismo]
Docente:  Antonella Gallo
Crediti:  3.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso è articolato in un unico modulo e si propone di individuare e sviluppare gli aspetti più significativi della letteratura, e più in generale della cultura spagnola, del primo Novecento con il sussidio di una metodologia critica. Sullo sfondo di un panorama storico-culturale del periodo sopracitato, con particolare approfondimento dei movimenti letterari dell’epoca, saranno presentate ed analizzate tre opere di poesia, teatro e narrativa, tra le più rappresentative del Novecento spagnolo.
Programma:  PARTE 1. «Storia della letteratura spagnola: dalla crisi di fine secolo (Generazione del 1898) alla Generazione del ’27»

Manuali
- F.B. Pedraza Jiménez e M. Rodríguez Cáceres, Las épocas de la literatura española, Barcelona, Ariel, 1997 (capp. 8-9)
- M.G. Profeti, a cura di, L'età contemporanea della letteratura spagnola: il Novecento, Firenze, La Nuova Italia, 2001, pp. 1-309.

PARTE 2. «Lettura testi»

La preparazione dell'esame comporta la lettura di 3 testi in lingua spagnola. Tutti sono reperibili in edizioni accessibili; si consigliano, in particolare, le edizioni Cátedra o Castalia, con le relative introduzioni. Per facilitare lo studio agli studenti principianti, si fa presente che sono ammesse le edizioni con il testo a fronte e si segnalano le seguenti traduzioni dei testi in programma: R. del Valle Inclán, Il defunto va di gala, a cura di P. Ambrosi, Pisa, Edizioni ETS, 1999; R. Alberti, Degli angeli, a cura di V. Bodini, Torino, Einaudi, 1966 e succ. ristampe (anche in V. Bodini, vol. I, cit. in bibliografia); M. de Unamuno, Nebbia, Roma, Fazi, 1997. I testi n° 3 e 4 sono in alternativa.

Testi
1. M. De Unamuno, Niebla.
2. R. Del Valle-Inclán, Las galas del difunto
3. F. García Lorca, Romancero gitano.
4. R. Alberti, Sobre los ángeles.

Opere critiche (solo di consultazione):
V. Bodini, I poeti surrealisti spagnoli, (introduzione), Torino, Einaudi, 1988
P. Salinas, Literatura española. Siglo XX, Madrid, Alianza, 2001

Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno eventualmente indicate durante il corso. In particolare, per gli studenti frequentanti sarà predisposta una dispensa, di consultazione, con materiali di approfondimento del programma indicato.

Il programma vale anche per gli studenti non frequentanti.
Modalità di esame:  Per gli studenti frequentanti è prevista una prova scritta di fine corso (test) riguardante la Storia della letteratura (Parte I) e i contenuti sviluppati nel corso medesimo. Per chi supera la prova di fine corso, l’esame orale, da sostenere negli appelli previsti dalla Facoltà, verterà esclusivamente sulla Parte II; esso si svolgerà in italiano, ma verrà richiesto di leggere, tradurre e commentare un brano dei testi in programma, per cui si consiglia di sostenere l’esame una volta acquisita una competenza linguistica almeno corrispondente al livello B1. Per gli studenti non frequentanti, valgono le indicazioni bibliografiche sopra indicate, facendo presente che l’esame non è suddivisibile in moduli e va sostenuto nella sua interezza.
 
Letteratura tedesca I [Commercio Internazionale]
Docente:  Arturo Larcati
Crediti:  3.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso è pensato come introduzione alla cultura e alla letteratura del secondo dopoguerra tedesco.
Programma:  Nelle lezioni verranno presentati romanzi scelti di Peter Handke, Thomas Bernhard e Heinrich Böll, in cui gli autori riflettono sulle esperienze traumatiche del secondo conflitto mondiale, i conflitti psicologici e ideologici nonché le aspirazioni morali e sociali delle giovani generazioni austriache e tedesche dopo il 1945.

Bibliografia

Testi
- Peter Handke, Wunschloses Unglück. Erzählung. Text und Kommentar, 2. Aufl. Frankfurt/Main Suhrkamp 2005 (trad. it.: Infelicità senza desideri. Con una nota critica di Giorgio Cusatelli, Milano Garzanti 1995)
- Thomas Bernhard, Die Ursache. Eine Andeutung, München DTV 1977 (trad. it.: L’origine: un accenno, trad. di Umberto Gandini, Milano Adelphi 1992)
- Heinrich Böll, Die verlorene Ehre der Katharina Blum, oder wie Gewalt entstehen und wohin sie führen kann, Köln Kiepenheuer & Witsch 2002 (trad. it.: L'onore perduto di Katharina Blum, ovvero Come può nascere e dove può condurre la violenza, trad. di Italo Alighiero Chiusano, Torino Einaudi 2003)
- Liriche di Gottfried Benn, Paul Celan e Ingeborg Bachmann

Opere critiche
- Wendelin Schmidt-Dengler, Bruchlinien. Vorlesungen zur österreichischen Literatur 1945 bis 1990, Salzburg Residenz Verlag 1996, p. 207 segg.
- Heinrich Böll: Die verlorene Ehre der Katharina Blum (Erläuterungen und Dokumente), von Werner Bellmann und Christine, Stuttgart Reclam 1999
Una bibliografia più completa verrà fornita all’inizio del corso.

Manuali
- Profilo storico della letteratura tedesca, a cura di Anton Reininger, Torino Rosenberg & Sellier 1990; Heinz Forster/Paul Riegel, Deutsche Literaturgeschichte. Bd. 12: Gegenwart 1968-1990, München DTV 2005
Modalità di esame:  Esame orale.
 
Letteratura tedesca I [Turismo]
Docente:  Arturo Larcati
Crediti:  3.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso è pensato come introduzione alla cultura e alla letteratura del secondo dopoguerra tedesco.
Programma:  Nelle lezioni verranno presentate prose scelte di Alfred Andersch, Max Frisch e Ingeborg Bachmann, che contengono importanti riflessioni sulle esperienze traumatiche del secondo conflitto mondiale, i conflitti psicologici e ideologici nonché le aspirazioni morali e sociali delle giovani generazioni nei paesi di lingua tedesca dopo il 1945.

Bibliografia

Testi
- Alfred Andersch, Sansibar oder der letzte Grund, Zürich Diogenes 1994 (trad. it.: Zanzibar ovvero l’ultimo perché: romanzo, trad. di Italo Alighiero Chiusano, Milano Mondadori 1959)
- Max Frisch, Homo faber. Ein Bericht, Frankfurt/Main Suhrkamp 2004 (trad. it.: Homo faber: resoconto, trad. di Aloisio Rendi, Milano Feltrinelli 2005)
- Ingeborg Bachmann, Unter Mördern und Irren, in: I.B., Werke, hrsg. von Christine Koschel, Inge von Weidenbaum und Clemens Münster, München Zürich Piper 1978, vol. II, pp. 159-186 (trad. it.: Il trentesimo anno, trad. di Magda Olivetti, Milano Feltrinelli 1999)
- Liriche di Gottfried Benn, Paul Celan e Ingeborg Bachmann

Opere critiche
- Alfred Andersch: Sansibar oder der letzte Grund (Erläuterungen und Dokumente), von Alexander Ritter, Stuttgart Reclam 2003
- Max Frisch: Homo Faber (Erläuterungen und Dokumente), von Klaus Müller-Salget, Stuttgart Reclam 1987
- Kurt Bartsch, Geschichtliche Erfahrung in der Prosa von Bachmann. Am Beispiel der Erzählungen Jugend in einer österreichischen Stadt und Unter Mördern und Irren [1982], in: Kein objektives Urteil - nur ein lebendiges. Texte zum Werk von Ingeborg Bachmann, hrsg. von Christine Koschel und Inge von Weidenbaum, München Zürich Piper 1989, 432-448
Una bibliografia più completa verrà fornita all’inizio del corso.

Manuali
- Profilo storico della letteratura tedesca, a cura di Anton Reininger, Torino Rosenberg & Sellier 1990; Heinz Forster/Paul Riegel, Deutsche Literaturgeschichte. Bd. 11: Nachkriegszeit 1945-1968, München DTV 2005
Modalità di esame:  Esame orale.
 
Lineamenti di diritto commerciale e della concorrenza
Docente:  Massimo Bianca
Crediti:  6.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso ha per oggetto l’insegnamento del lessico giuridico, delle nozioni di base del diritto civile, nella misura necessaria ad un corretto inquadramento dei vari istituti, e dei fondamenti dell’impresa individuale e collettiva, cui, assieme al diritto della concorrenza, viene dedicata prevalente attenzione. L’obiettivo è quello di fornire le conoscenze giuridiche indispensabili per l'inserimento in strutture amministrative ed imprenditoriali, non solo turistiche. Durante le lezioni, necessariamente articolate in più sezioni, verrà prestata particolare attenzione alla lettura ed alla illustrazione delle norme del Codice Civile e delle leggi commerciali, nonché all’apprendimento delle logiche e dei meccanismi di interpretazione delle norme.
Programma:  Parte 1
- La nozione di diritto: la norma giuridica. Le fonti del diritto e l’interpretazione della legge
- Le fonti dell’obbligazione. L’adempimento e l’inadempimento
- Il contratto: elementi e conclusione
- Validità e invalidità. Efficacia e inefficacia del contratto. Effetti del contratto
- Risoluzione del contratto.

Parte 2
- Il concetto di imprenditore. Il piccolo imprenditore. Imprenditore agricolo e commerciale
- L’azienda
- Il concetto di società. La classificazione dei tipi sociali: società di persone e di capitali, con e senza personalità giuridica
- La società semplice: amministrazione e rapporti con i terzi
- La società semplice: rapporti tra soci
- La società in nome collettivo
- La società in accomandita semplice
- La società per azioni. Nozione. Costituzione.
- La struttura finanziaria della società per azioni: azioni e strumenti finanziari
- Gli organi sociali: assemblea, amministratori, collegio sindacale
- La revisione contabile
- I modelli alternativi di corporate governance: sistema dualistico, sistema monistico
- Il bilancio: redazione, approvazione, utili, dividendo
- Le modificazioni dell’atto costitutivo
- Lo scioglimento della società per azioni
- La società a responsabilità limitata
- La società in accomandita per azioni
- Le società cooperative
- I segni distintivi dell’attività di impresa
- La tutela della concorrenza tra imprenditori
- La disciplina dell’attività pubblicitaria

Bibliografia

Per la Parte 1:
- F. Galgano, Istituzioni di diritto privato, Padova, CEDAM, 2002 o edizioni successive: capp.I (par.1,2,3,4), II (par.1,2,3), IX (tutto), X (par.1,2,3), XI (tutto), XII (tutto), XIII (par.1,2), XV (par.1,2), XVI (par.1,2,3)

Per la Parte 2, uno dei due manuali dappresso indicati:
- G. Auletta – N. Salanitro, Diritto commerciale, XV edizione, Milano, Giuffrè, 2006, ppgg. 3 – 27, 32 – 58, 68 – 236, 270 – 290, 296 – 305, 309 – 332, 605 – 610.
oppure, in alternativa
- A. Graziani, G. Minervini, U .Belviso, Manuale di diritto commerciale, Padova, CEDAM, 2004 o edizioni successive: introduzione, Parte prima (capp. I, II, III), Parte seconda (capp. I, II, III, IV, VI ), Parte terza (capp. I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII, IX, X, XI)

Avvertenze
La preparazione dell’esame presuppone un accurato studio delle norme del Codice Civile e delle leggi speciali di volta in volta richiamate nel testo. Si consiglia a tal fine l’utilizzo di un codice contenente anche le leggi complementari nell’ultima edizione disponibile (edizione 2006).
Modalità di esame:  Esame orale.
 
Lineamenti di diritto commerciale e dell'impresa
Docente:  Massimo Bianca
Crediti:  6.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Il corso ha per oggetto l’insegnamento del lessico giuridico, delle nozioni di base del diritto civile, nella misura necessaria ad un corretto inquadramento dei vari istituti, e dei fondamenti dell’impresa individuale e collettiva, cui, assieme al diritto cartolare e concorsuale, viene dedicata prevalente attenzione. L’obiettivo è quello di fornire le conoscenze giuridiche indispensabili per l'inserimento in strutture amministrative ed imprenditoriali, non solo turistiche. Durante le lezioni, necessariamente articolate in più sezioni, verrà prestata particolare attenzione alla lettura ed alla illustrazione delle norme del Codice Civile e delle leggi commerciali, nonché all’apprendimento delle logiche e dei meccanismi di interpretazione delle norme.
Programma:  Parte 1
- La nozione di diritto: la norma giuridica. Le fonti del diritto e l’interpretazione della legge
- Le fonti dell’obbligazione. L’adempimento e l’inadempimento
- Il contratto: elementi e conclusione
- Validità e invalidità. Efficacia e inefficacia del contratto. Effetti del contratto
- Risoluzione del contratto.

Parte 2
- Il concetto di imprenditore. Il piccolo imprenditore. Imprenditore agricolo e commerciale
- L’azienda
- Il concetto di società. La classificazione dei tipi sociali: società di persone e di capitali, con e senza personalità giuridica
- La società semplice: amministrazione e rapporti con i terzi
- La società semplice: rapporti tra soci
- La società in nome collettivo
- La società in accomandita semplice
- La società per azioni. Nozione. Costituzione.
- La struttura finanziaria della società per azioni: azioni e strumenti finanziari
- Gli organi sociali: assemblea, amministratori, collegio sindacale
- La revisione contabile
- I modelli alternativi di corporate governance: sistema dualistico, sistema monistico
- Il bilancio: redazione, approvazione, utili, dividendo
- Le modificazioni dell’atto costitutivo
- Lo scioglimento della società per azioni
- La società a responsabilità limitata
- La società in accomandita per azioni
- Le società cooperative
- I titoli di credito
- La crisi dell’impresa

Bibliografia

Per la Parte 1:
- F. Galgano, Istituzioni di diritto privato, Padova, CEDAM, 2002 o edizioni successive: capp.I (par.1,2,3,4), II (par.1,2,3), IX (tutto), X (par.1,2,3), XI (tutto), XII (tutto), XIII (par.1,2), XV (par.1,2), XVI (par.1,2,3)

Per la Parte 2:
- AA.VV., Istituzioni di diritto commerciale, a cura di V. Buonocore, Torino, Giapichelli, 2004 o edizioni successive: Introduzione, Parte prima (capp. I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII), Parte seconda (capp. I, III, IV), Parte settima (cap. I, sezione I e II), Parte ottava (cap. I, sezione I)
oppure, in alternativa
- A. Graziani, G. Minervini, U .Belviso, Manuale di diritto commerciale, Padova, CEDAM, 2004 o edizioni successive: introduzione, Parte prima (capp. I, II, III), Parte seconda (cap III), Parte terza (capp. I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII, IX, X), Parte sesta (capp. I, II, IV), Parte settima (capp.I, II)

Avvertenze
La preparazione dell’esame presuppone un accurato studio delle norme del Codice Civile e delle leggi speciali di volta in volta richiamate nel testo. Si consiglia a tal fine l’utilizzo di un codice aggiornato (ultima edizione disponibile). Si segnalano:
- Codice civile e leggi collegate, a cura di G. De Nova, Bologna, Zanichelli
- Codice civile spiegato articolo per articolo, VIII ed., Simone, Napoli, 2004
Modalità di esame:  Esame orale.
 
Lingua francese I
Docente:  Pierluigi Ligas
Crediti:  10.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Analisi metalinguistica della lingua francese nelle sue strutture fonetiche, morfologiche, sintattiche e lessicali.
Programma:  Parte 1
Avviamento alla lettura espressiva. Lecture expliquée. Lessicografia e lessicologia (nozioni).

Parte 2
Introduzione alla langue de spécialité.

Bibliografia

- M. Yaguello (a cura di), Le Grand livre de la langue française, Paris, Seuil, 2003
- P. Ligas – Y. Doessant, “La belle ferme le voile”. Riflessioni teoriche ed approccio metodologico. per una lettura espressiva della frase francese, Verona, Libreria Editrice Universitaria, 2002
- F. Bidaud, Grammaire du français pour italophones, Firenze, La Nuova Italia, 1996

Dizionari
- Le Petit Robert, Dictionnaire de la langue française, Paris, Editions ‘Le Robert’, ultima edizione
- R. Boch, Dizionario francese-italiano, italiano-francese, Bologna, Zanichelli, ultima edizione

Il corso comprende due parti: la Parte 1 è comune ai quattro corsi di laurea, la Parte 2 riguarda solo gli studenti della classe 3.
Modalità di esame:  L’esame è orale, in italiano o in francese a scelta del candidato, e verterà su argomenti effettivamente svolti a lezione.

COMPETENZA LINGUISTICA RICHIESTA
Il riconoscimento del livello di competenza avverrà in sede d’esame ufficiale sulla base degli attestati rilasciati dal CLA o dagli Enti certificatori accreditati dal MURST (Alliance Française, Chambre de Commerce et d’Industrie de Paris) nell’ambito del livello 2 (ALTE), B1 (Consiglio d’Europa), corrispondente alla certificazione internazionale DELF 1er degré.
 
Lingua inglese I [A - E]
Docente:  Cesare Gagliardi
Crediti:  10.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Acquisizione della language awareness a livello fonologico, morfologico e morfofonologico.
Programma:  Dal fonema al listema nella lingua inglese: from theory to practice

Testi di base
K.Kuiper, W.S.Allan, An Introduction to English Language: Sound, Word and Sentence, London, MacMillan, 1997 (Chapter I and Parts I, II).
C.Gagliardi, Fonologia inglese per italofoni: From Practice to Competence, Pescara, LUE, Collana “Ricerche Linguistiche” n. 1, 1991.
C.Gagliardi, a cura di, La trascrizione fonematica dell’inglese: problemi e tecniche, Pescara, LUE, Collana “Ricerche Linguistiche” n.3, 1993.
H.Harley, English Words, Oxford, Blackwell, 2006.
L.Van Lier, Introducing Language Awareness, Harmondsworth, Penguin, 1998.

Testi di riferimento
M.Aronoff, K.Fudeman, What is Morphology, London, Blackwell, 2005.
V.Adams, Complex Words in English, London, Longman, 2001.
L.Bauer, English Word-Formation, Cambridge, Cambridge University Press, 1998 (Chapters 1- 4, 7).
C.Gussenhoven, The Phonology of Tone and Intonation, Cambridge, Cambridge University Press, 2006.
R.Strutt, English for International Tourism, London, Longman Intermediate, 2004.
Modalità di esame:  Esame orale.

Competenza linguistica richiesta
Livello 2 (ALTE), B1 (Consiglio d’Europa).
 
Lingua inglese I [F - O]
Docente:  Cesare Gagliardi
Crediti:  10.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Acquisizione della language awareness a livello fonologico, morfologico e morfofonologico.
Programma:  Dal fonema al listema nella lingua inglese: from theory to practice

Testi di base
K.Kuiper, W.S.Allan, An Introduction to English Language: Sound, Word and Sentence, London, MacMillan, 1997 (Chapter I and Parts I, II).
C.Gagliardi, Fonologia inglese per italofoni: From Practice to Competence, Pescara, LUE, Collana “Ricerche Linguistiche” n. 1, 1991.
C.Gagliardi, a cura di, La trascrizione fonematica dell’inglese: problemi e tecniche, Pescara, LUE, Collana “Ricerche Linguistiche” n.3, 1993.
H.Harley, English Words, Oxford, Blackwell, 2006.
L.Van Lier, Introducing Language Awareness, Harmondsworth, Penguin, 1998.

Testi di riferimento
M.Aronoff, K.Fudeman, What is Morphology, London, Blackwell, 2005.
V.Adams, Complex Words in English, London, Longman, 2001.
L.Bauer, English Word-Formation, Cambridge, Cambridge University Press, 1998 (Chapters 1- 4, 7).
C.Gussenhoven, The Phonology of Tone and Intonation, Cambridge, Cambridge University Press, 2006.
R.Strutt, English for International Tourism, London, Longman Intermediate, 2004.
Modalità di esame:  Esame orale.

Competenza linguistica richiesta
Livello 2 (ALTE), B1 (Consiglio d’Europa).
 
Lingua inglese I [P - Z]
Docente:  Marta Degani
Crediti:  10.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Acquisizione della language awareness a livello fonologico, morfologico e morfofonologico.
Programma:  Dal fonema al listema nella lingua inglese: from theory to practice.

Testi di base
- K. Kuiper, W.S.Allan, An Introduction to English Language: Sound, Word and Sentence, London, MacMillan, 1997 (chapter I, parts I, II).
- C. Gagliardi, Fonologia inglese per italofoni,Pescara, LUE, 1991.
- C. Gagliardi, a cura di, La trascrizione fonematica dell’inglese; problemi e tecniche, Pescara, LUE, 1993.
- H. Harley, English Words, Oxford, Blackwell, 2006.
- L. Van Lier, Introducing Language Awareness, Harmondsworth, Penguin,1998.

Testi di riferimento
- M. Aronoff, K.Fudeman, What is Morphology, London, Blackwell, 2005.
- V. Adams, Complex Words in English, London, Longman, 2001.
- L. Bauer, English Word-formation, Cambridge, Cambridge University Press, 1998 (chapters 1-4, 7).
- C. Gussenhoven, The Phonology of Tone and Intonation, Cambridge, Cambridge University Press, 2006.
- R. Strutt, English for International Tourism, London, Longman Intermediate, 2004.
Modalità di esame:  Esame orale.

Competenza linguistica richiesta
Livello 2 (ALTE), B1 (Consiglio d’Europa)
 
Lingua italiana [Commercio Internazionale]
Docente:  Michelangelo Zaccarello
Crediti:  4.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Sensibilizzare gli studenti al riconoscimento e all’analisi delle principali tipologie testuali e avviare alla composizione di un testo scritto nel rispetto delle diverse modalità espositive. Apprendere le elementari strategie di comunicazione e di auto-promozione utili negli ambiti lavorativi pertinenti al corso di laurea.
Programma:  PARTE 1

Tipologie della comunicazione scritta
- la comunicazione epistolare
- tipologie espositive: relazione e presentazione
- oralità messa per iscritto: la verbalizzazione

PARTE 2

Lettura e sintesi: modi del riassunto
- riassunto di carattere pratico
- tra riassunto e commento: la recensione
- tecniche della citazione bibliografica

PARTE 3

Modelli retorici e strategie comunicative nella lingua d’oggi
- la lingua della pubblicità: modi della persuasione
- la lingua della poesia e della canzone
- percezione e descrizione: verso una scrittura originale

PARTE 4

La lingua nel mondo del lavoro
- strategie della self-promotion: il curriculum vitae e l’allestimento di siti personali
- corrispondenza commerciale e scrittura promozionale
- il dépliant turistico

Bibliografia

È obbligatorio l’utilizzo di tutti e tre i manuali.
- F. Bruni et al., Manuale di scrittura e comunicazione, Bologna, Zanichelli, 1997 (e successive edd.: si raccomanda vivamente di utilizzare l’edizione più recente)
- F. Bruni et al., Manuale di scrittura professionale, Bologna, Zanichelli, 1997 (e successive edd.: si raccomanda vivamente di utilizzare l’edizione più recente)
- C. Viola, Pratiche di scrittura: modelli ed esempi, Verona, Libreria Editrice Universitaria, 2005

Ulteriore bibliografia sarà eventualmente fornita durante le lezioni.
Modalità di esame:  L'esame si svolgerà in forma scritta.
 
Lingua italiana [Turismo]
Docente:  Paolo Pellegrini
Crediti:  4.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Sensibilizzare gli studenti al riconoscimento e all’analisi delle principali tipologie testuali e avviare alla composizione di un testo scritto nel rispetto delle diverse modalità espositive. Apprendere le elementari strategie di comunicazione e di auto-promozione utili negli ambiti lavorativi pertinenti al corso di laurea.
Programma:  PARTE 1

Tipologie della comunicazione scritta
- la comunicazione epistolare
- tipologie espositive: relazione e presentazione
- oralità messa per iscritto: la verbalizzazione

PARTE 2

Lettura e sintesi: modi del riassunto
- riassunto di carattere pratico
- tra riassunto e commento: la recensione
- tecniche della citazione bibliografica

PARTE 3

Modelli retorici e strategie comunicative nella lingua d’oggi
- la lingua della pubblicità: modi della persuasione
- la lingua della poesia e della canzone
- percezione e descrizione: verso una scrittura originale

PARTE 4

La lingua nel mondo del lavoro
- strategie della self-promotion: il curriculum vitae e l’allestimento di siti personali
- corrispondenza commerciale e scrittura promozionale
- il dépliant turistico

Bibliografia

È obbligatorio l’utilizzo di tutti e tre i manuali.
- F. Bruni et al., Manuale di scrittura e comunicazione, Bologna, Zanichelli, 1997 (e successive edd.: si raccomanda vivamente di utilizzare l’edizione più recente)
- F. Bruni et al., Manuale di scrittura professionale, Bologna, Zanichelli, 1997 (e successive edd.: si raccomanda vivamente di utilizzare l’edizione più recente)
- C. Viola, Pratiche di scrittura: modelli ed esempi, Verona, Libreria Editrice Universitaria, 2005

Ulteriore bibliografia sarà eventualmente fornita durante le lezioni.
Modalità di esame:  L'esame si svolgerà in forma scritta.
 
Lingua russa I
Docente:  Giovanna Siedina
Crediti:  10.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Apprendimento e consolidamento della fonetica e della morfologia della lingua russa (sistema dei casi, declinazioni dei sostantivi, degli aggettivi e dei pronomi, uso dei casi, coniugazioni verbali).
Programma:  Il corso si propone di fornire e di consolidare le conoscenze teorico-pratiche di base sulla fonetica e sulla morfologia del russo, come indispensabile premessa ad ogni stadio didattico successivo.

Bibliografia

Ju. G. Ovsienko, Il russo. Corso base, Moskva-Roma, Russkij jazyk-Il Punto editoriale 2002.
L. Fici Giusti, L. Gebert, S. Signorini, La lingua russa, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1991 (alcune parti, da indicare)
S. Chavronina, Parliamo il russo, Moskva, 1998.
S. Chavronina, A.Širočenskaja, Il russo. Esercizi, Moskva, 1998.
I. Pul’kina, E. Zachava-Nekrasova, Il russo. Grammatica pratica con esercizi, Mosca, edizioni “Russkij jazyk” 1991, Genova “Edest” 1991 (saranno forniti materiali a lezione)
Modalità di esame:  Esame orale.
Lo studente dovrà dimostrare di conoscere il lessico e la grammatica appresi nel corso delle lezioni.

Competenza linguistica richiesta
Livello 2 (ALTE), B1 (Consiglio d’Europa)
 
Lingua spagnola I [Commercio Internazionale]
Docente:  Rosa Maria Rodriguez Abella
Crediti:  10.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Introduzione al sistema linguistico spagnolo.
Programma:  Il corso si propone di analizzare i principali meccanismi di funzionamento dello spagnolo attuale. La struttura grammaticale sarà presentata partendo dalla parola e dalla frase come unità di base, secondo una prospettiva che privilegia gli aspetti contrastivi.

Bibliografia

- J. Alcina Franch y J.M. Blecua, Gramática Española, Barcelona, Ariel, 1987, pp. 482-585
- M. Alvar, Introducción a la lingüística española, Barcelona, Ariel, 2000, capp. 1 e 19
- I. Bosque y V. Demonte, Gramática descriptiva de la Lengua Española, Madrid, Espasa Calpe, 1999, pp. 1519-1574
- O. Kovacci, El comentario gramatical I (Teoría y práctica), Madrid, Arco/Libros, 1990, cap. 3
- P. Lerat, Las lenguas especializadas, Barcelona, Ariel, 2000, capp. 1-2
Modalità di esame:  L’esame consiste in una prova orale su questioni teoriche e pratiche che riguardano il programma del corso. Per i frequentanti (70% di presenze) è prevista una prova finale scritta.

COMPETENZA LINGUISTICA RICHIESTA
Livello 2 (ALTE), B1 (Consiglio d’Europa).
La verifica della competenza linguistica si basa sulle certificazioni rilasciate dal CLA (Centro Linguistico di Ateneo) o da altri enti accreditati (vedi “Guida dello studente”).
 
Lingua spagnola I [Turismo]
Docente:  Francesca Dalle Pezze
Crediti:  10.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Introduzione al sistema linguistico spagnolo.
Programma:  Il corso si propone di analizzare i principali meccanismi di funzionamento dello spagnolo attuale. La struttura grammaticale sarà presentata partendo dalla parola e dalla frase come unità di base, secondo una prospettiva che privilegia gli aspetti contrastivi.

Bibliografia

- J. Alcina Franch y J.M. Blecua, Gramática Española, Barcelona, Ariel, 1987, pp. 482-585
- M. Alvar, Introducción a la lingüística española, Barcelona, Ariel, 2000, capp. 1 e 19
- I. Bosque y V. Demonte, Gramática descriptiva de la Lengua Española, Madrid, Espasa Calpe, 1999, pp. 1519-1574
- O. Kovacci, El comentario gramatical I (Teoría y práctica), Madrid, Arco/Libros, 1990, cap. 3
- P. Lerat, Las lenguas especializadas, Barcelona, Ariel, 2000, capp. 1-2
Modalità di esame:  L’esame consiste in una prova orale su questioni teoriche e pratiche che riguardano il programma del corso. Per i frequentanti (70% di presenze) è prevista una prova finale scritta.

COMPETENZA LINGUISTICA RICHIESTA
Livello 2 (ALTE), B1 (Consiglio d’Europa).
La verifica della competenza linguistica si basa sulle certificazioni rilasciate dal CLA (Centro Linguistico di Ateneo) o da altri enti accreditati (vedi “Guida dello studente”).
 
Lingua tedesca I [Commercio Internazionale]
Docente:  Stefan Rabanus
Crediti:  10.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  La struttura della frase tedesca. Introduzione all'analisi sintattica.
Programma:  Il corso si propone di fornire allo studente gli strumenti di base dell'analisi sintattica (analisi in costituenti; classificazione delle categorie lessicali e sintagmatiche; funzioni sintattiche e relazioni grammaticali) e di introdurlo nella prospettiva della cosiddetta "Felderanalyse", peculiare della tradizione grammaticale tedesca. Inoltre, è prevista un'estensione del programma in forma seminariale dedicata al concetto di Fachsprache.

Bibliografia

- Angelika Wöllstein-Leisten et al., Deutsche Satzstruktur. Grundlagen der syntaktischen Analyse, Tübingen, Narr, 1997
- Alessandra Tomaselli, Introduzione alla sintassi del tedesco, Bari, Graphis, 2004
- Sul sito internet del docente verrà messa a disposizioni una dispensa con materiale didattico supplementare.
Modalità di esame:  L'esame si svolge in forma orale. Per gli studenti frequentanti è prevista una prova scritta alla fine del corso.

Competenza linguistica richiesta
Livello 2 (ALTE), B1 (Consiglio d'Europa). La verifica della competenza linguistica si basa sulle certificazioni rilasciate dal CLA (Centro Linguistico di Ateneo) o da altri enti accreditati (vedi della "Guida dello studente").
 
Lingua tedesca I [Turismo]
Docente:  Stefan Rabanus
Crediti:  10.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  La struttura della frase tedesca. Introduzione all'analisi sintattica.
Programma:  Il corso si propone di fornire allo studente gli strumenti di base dell'analisi sintattica (analisi in costituenti; classificazione delle categorie lessicali e sintagmatiche; funzioni sintattiche e relazioni grammaticali) e di introdurlo nella prospettiva della cosiddetta "Felderanalyse", peculiare della tradizione grammaticale tedesca. Inoltre, è prevista un'estensione del programma in forma seminariale dedicata al concetto di Fachsprache.

Bibliografia

- Angelika Wöllstein-Leisten et al., Deutsche Satzstruktur. Grundlagen der syntaktischen Analyse, Tübingen, Narr, 1997
- Alessandra Tomaselli, Introduzione alla sintassi del tedesco, Bari, Graphis, 2004
- Sul sito internet del docente verrà messa a disposizioni una dispensa con materiale didattico supplementare.
Modalità di esame:  L'esame si svolge in forma orale. Per gli studenti frequentanti è prevista una prova scritta alla fine del corso.

Competenza linguistica richiesta
Livello 2 (ALTE), B1 (Consiglio d'Europa). La verifica della competenza linguistica si basa sulle certificazioni rilasciate dal CLA (Centro Linguistico di Ateneo) o da altri enti accreditati (vedi della "Guida dello studente").
 
Storia contemporanea
Docente:  Francesco Vecchiato
Crediti:  6.00
Periodo:  1 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  La conoscenza degli aspetti fondamentali della storia contemporanea, europea e italiana, dagli inizi dell’800 alla fine del ‘900. La capacità di utilizzare un linguaggio storiografico appropriato e di orientarsi tra le principali fonti e strumenti della ricerca storica.
Programma:  A) Parte generale

Bibliografia

- R. Balzani – A. De Bernardi, Storia del mondo contemporaneo, Milano, Bruno Mondadori, 2006. Di tale volume lo studente deve conoscere le seguenti parti:
- cap. 1. Il Quarantotto: 1.1 Le eredità; 1.2 La rivoluzione in Francia; 1.3 La rivoluzione europea; 1.4 Il Quarantotto in Italia; 1.5 La crisi della rivoluzione in Europa
- cap. 2. L’apogeo degli Stati-nazione: 2.1 Il nuovo “sistema” europeo; 2.2 Le potenze occidentali: la Francia e la Gran Bretagna; 2.3 La nascita della Germania unita; 2.6 Il Risorgimento italiano: dieci anni di attesa; 2.7 Cavour e il liberalismo piemontese alla prova; 2.8 Il biennio 1859-1860
- cap. 4. L’Europa imperiale: 4.1 La nazione onnipotente; 4.2 Un nazionalismo repubblicano; 4.3 Che cos’è l’imperialismo; 4.4 Stati e colonie
- cap. 5. L’Italia liberale: 5.1 Uno sguardo d’insieme; 5.2 La “frattura” politica; 5.3 Il diritto di voto; 5.4 I democratici e la Sinistra storica; 5.5 La Destra al potere (1861-1876); 5.6 La Sinistra al potere (1876-1883) e il trasformismo; 5.7 Crispi e la crisi di fine secolo; 5.9 La politica estera; 5.10 L’età giolittiana
- cap. 6. La Belle Époque: 6.1 La concentrazione del potere a livello statale e la crisi del sistema internazionale; 6.10 Verso la guerra mondiale; 6.11 L’attentato di Sarajevo; 6.12 Le origini remote della guerra: la politica di potenza; 6.13 Le origini remote della guerra: imperialismo e competizione economica
- cap. 7. La Grande Guerra: 7.1 Le alleanze e la guerra mondiale; 7.4 L’Italia in guerra; 7.6 Contro l’”inutile strage”; 7.8 La fine del conflitto
- cap. 8. La pace difficile: 8.2 I bolscevichi al potere; 8.3 Scenari; 8.4 La nuova Europa e il biennio “rosso”; 8.6 L’Italia verso il fascismo; 8.7 Mussolini alla conquista del potere; 8.8 La Repubblica di Weimar
- cap. 9. Il mondo nella grande crisi: 9.1 Il crollo di Wall Street; 9.2 Le cause strutturali; 9.4 La via democratica: il New Deal; 9.5 La soluzione totalitaria; 9.6 Il mito dell’Urss
- cap. 10. Il crollo dell’Europa: 10.1 La Germania nazista; 10.3 Lo stalinismo; 10.4 Il mondo in guerra
- cap. 11. La seconda guerra mondiale e la nascita del sistema bipolare: 11.1 Cronologia; 11.4 La “fine del mondo europeo”; 11.6 La Guerra fredda
- cap. 14. Coesistenza, competizione: 14.1 Lo “spirito di Ginevra” e la destalinizzazione
- cap. 15. La società postindustriale: 15.1 Una nuova crisi generale: la “stagflazione”; 15.2 La strategia anticiclica: il monetarismo neoliberista; 15.4 La società informatica
- cap. 16. Un nuovo ordine mondiale: 16.1 La perestrojka di Michail Gorbačev; 16.2 Il crollo dell’impero sovietico; 16.3 La scomparsa dell’Urss; 16.4 La fine della Jugoslavia; 16.5 Il “comunismo in un paese solo”: la Cina

B) Parte monografica
Nel corso delle lezioni verranno approfonditi temi di storia politico-istituzionale.
Lo studente completa la sua preparazione preparando i testi sotto elencati:
- P. Battilani, Storia del turismo, Bari, Laterza, 2006. I “Documenti”, di cui il libro si correda e arricchisce, non costituiscono specifica materia d’esame;
- S. Falasca, Un vescovo contro Hitler, Milano, San Paolo, 2006. Di tale libro lo studente prepara le pagine 11-94;
- G. Pacini, Il socialismo dal volto umano, «Nuova Storia Contemporanea», 2006, 1, pp. 117-158.

Avvertenze
1) Eventuali iterazioni di Storia Contemporanea vanno concordate col Docente;
2) Corsi estivi di Alba di Canazei. Gli studenti che abbiano frequentato anche il corso di Storia contemporanea a Verona preparano l’esame sugli appunti dalle lezioni. Chi non abbia frequentato le lezioni a Verona contatti il Docente.
Modalità di esame:  Esame orale.
 
Storia contemporanea e commercio internazionale
Docente:  Francesco Vecchiato
Crediti:  6.00
Periodo:  2 semestre
Anno di corso:
Obiettivi formativi:  Lo studio delle connessioni tra politica e commercio nelle relazioni internazionali degli stati, alla luce dei grandi avvenimenti che segnano l’età contemporanea, dalla rivoluzione americana alle scelte dell’epoca presente.
Programma:  A) Parte generale

Bibliografia

Introduzione alla storia contemporanea, a cura di Paolo Pombeni, Bologna, Il Mulino, 2006. Di tale volume lo studente deve conoscere i seguenti capitoli:
cap. III. Ricchezza e povertà: l’economia diventa politica
cap. V. La trasformazione della politica e le costituzioni
cap. VII. Le relazioni internazionali
cap. X. 1848. La rivoluzione degli intellettuali e l’affermazione del costituzionalismo
cap. XI. 1860. La guerra civile americana
cap. XII. 1870. Il nuovo equilibrio europeo
cap. XIII. 1898. La guerra ispano-americana e l’impero statunitense
cap. XIV. Fine secolo
cap. XV. La Prima guerra mondiale
cap. XVII. 1929. Il grande crollo dell’economia
cap. XX. 1949. La Rivoluzione cinese
cap. XXI. 1950. La guerra di Corea e la guerra fredda
cap. XXII. 1956. Una svolta nel XX secolo
cap. XXVII. 1973. La fine dell’«età dell’oro»
cap. XXX. 1989. La fine della guerra fredda
cap. XXXI. 1992. L’Europa di Maastricht

B) Parte monografica
Nel corso delle lezioni verranno approfonditi temi di storia politica e commerciale.

Bibliografia

Lo studente completa la sua preparazione preparando:
- V. Castronovo, Un passato che ritorna. L’Europa e la sfida dell’Asia, Bari, Laterza, 2006. Di tale volume lo studente deve conoscere i seguenti capitoli: I., II., III., IV., V., VI., VII., X., XIV., Conclusioni. Quale futuro?

Avvertenze
1) Eventuali iterazioni di Storia Contemporanea e Commercio internazionale vanno concordate col Docente.
2) Corsi estivi di Alba di Canazei. Gli studenti che abbiano frequentato anche il corso di Storia contemporanea e Commercio internazionale a Verona preparano l’esame sugli appunti dalle lezioni. Chi non abbia frequentato le lezioni a Verona contatti il Docente.
Modalità di esame:  Esame orale.