La cultura pietrificata: Il culto del monumento nella cultura russa contemporanea

Data inizio
25 aprile 2018
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Lingue e Letterature Straniere
Responsabili (o referenti locali)
Aloe Stefano
Parole chiave
'Monumenti','cultura russa','Ruolo della letteratura','Culturologia','Società post-sovietiche'

"La cultura pietrificata": Il culto del monumento ereditato dalla società sovietica è ancora fortemente presente nella vita culturale russa contemporanea. In modo analogo, il "bisogno" di monumenti celebrativi è rilevante in altri paesi slavi pos-socialisti come per es. la Bulgaria o la Slovacchia, e in paesi ex-sovietici non slavi, come la Georgia e l'Azerbajdzhan. Oggetto di questa "monumentificazione" sono prevalentemente scrittori, poeti, personaggi storici (anche leggendari), pensatori politici.Si rileva la grande proliferazione di nuovi monumenti come effetto di una necessità, sia ideologica che sociale, di (ri)costruire il canone nazionale. Uno degli effetti negativi è invece da considerare nella "pietrificazione" concettuale dei personaggi canonizzati in questa forma: in mancanza di una politica culturale orientata a favorire lo studio e l'arte, e quindi a rivitalizzare la modernità dei personaggi celebrati, si produce una sorta di riduzione a simbolo della loro portata storica e artistico-intellettuale. La loro presenza nella vita culturale si restringe all'ambito della loro generale riconoscibilità e accettazione. La letteratura (e alcune altre arti) riveste a volte un ruolo di importante antidoto a questo fenomeno, specialmente nel rivolgersi al passato in forme volte ad attualizzarlo senza anacronismi (o tramite anacronismo volutamente produttivi).

Costi preventivati del progetto:
1000 € - partecipazione a congressi e convegni
500 € - spese di pubblicazione, materiale bibliografico, ecc.
 

Partecipanti al progetto

Stefano Aloe
Professore associato
Daniele Artoni
Professore a contratto

Attività

Strutture