Laurea in Lingue e letterature straniere

per Informazioni
Unità operativa: Gestione didattica

Per visualizzare il proprio percorso formativo indicativo selezionare il proprio anno di immatricolazione

Inserisci la matricola per vedere la tua offerta formativa nell'anno corretto.

Il piano didattico è suddiviso in curricula. Scegliere un curriculum:

* ARTISTICO
* LETTERARIO
* LINGUISTICO-DIDATTICO


Obiettivi formativi, Sbocchi professionali
Obiettivi formativi Il corso di laurea in Lingue e Letterature Straniere si propone di formare laureati con un alto livello di competenza (C 1) in almeno due lingue straniere e nelle rispettive letterature, oltre a una competenza di base in almeno un'altra lingua straniera. Il percorso formativo è caratterizzato da tre annualità di lingua straniera e tre annualità di letteratura straniera, per ognuna delle due lingue prescelte dallo Studente tra:
- francese
- inglese
- russo
- spagnolo
- tedesco
A partire dal secondo anno di corso gli insegnamenti di lingua e letteratura straniera sono erogati nelle corrispondenti lingue, salvo ulteriori indicazioni.
Il percorso si completa con lo studio della letteratura italiana, con un avvio alla comparatistica, delle materie storico-geografiche, nonché, in relazione al curriculum prescelto, delle discipline artistiche, filologico-critiche, linguistiche e glottodidattiche.
Sbocchi professionali All’uscita dal percorso di studi, il laureato possiederà competenze di alto livello in almeno due lingue straniere, di cui avrà avuto modo di conoscere approfonditamente le culture e le letterature, e potrà avvalersi di una preparazione compiuta anche a livello metalinguistico, comparatistico e pluridisciplinare. Avrà sviluppato abilità di comunicazione appropriate ed efficaci a livello scritto e orale, insieme a strategie di apprendimento e di aggiornamento che gli consentiranno di utilizzare metodi e procedure logiche utili per la valutazione delle informazioni, la risoluzione di problemi o la pianificazione di attività. La preparazione acquisita durante il corso di laurea gli conferirà una notevole capacità di analisi e riflessione critica, oltre che di comprensione di significati espliciti e impliciti, che potrà applicare a qualunque tipologia di testo o di discorso, e a diverse situazioni di mediazione interculturale e internazionale.

Funzione in un contesto di lavoro:
Il laureato potrà svolgere funzioni diverse nel campo della mediazione linguistica e culturale, in particolare:
1) funzioni relative alla composizione, traduzione e revisione di testi cartacei e digitali, letterari o di altre tipologie, per case editrici e studi di traduzione;
2) gestione dei rapporti con l'estero in aziende nazionali e internazionali;
3) attività di comunicazione e organizzazione presso istituti culturali italiani e stranieri, fondazioni e musei;
4) collaborazioni giornalistiche;
5) organizzazione di eventi;
6) funzioni di consulenza in ambito linguistico e filologico.
7) funzioni di consulenza relativa ai beni culturali (musei, biblioteche, enti lirici e teatrali).

Competenze associate alla funzione:
Al termine del corso di studi lo studente avrà acquisito un'ottima competenza in due lingue europee (C1) e nelle relative letterature che gli garantiranno una solida base culturale per collaborare con istituti o enti italiani e stranieri nell'ideazione e realizzazione di progetti e attività culturali. Il laureato saprà tentere i rapporti con gli enti stanieri, tradurre e redigere testi informativi per teatri o enti lirici e curare attività redazionali.

Grazie alle capacità di riflessione metalinguistica acquisita, il laureato sarà inoltre in grado di fornire consulenze linguistiche, collaborare alla redazione e agli aggiornamenti di glossari di ambiti specialistici; saprà tradurre software specifici del settore; saprà collaborare alla traduzione di testi letterari, o dialoghi in lingua straniera di opere cinematografiche e audiovisive e adattarli alla lingua italiana.
Inoltre, le competenze acquisite nell'ambito artistico, consentiranno al laureato di lavorare utilmente con enti o fondazioni che operano per la valorizzazione e la promozione del patrimonio storico e artistico dell'area.

Sbocchi occupazionali:
Impiegato o consulente in enti pubblici e privati del territorio (addetto all'accoglienza e all'assistenza a utenti stranieri); Collaboratore di case editrici;
Addetto alla pubblicizzazione di testi e documentazione; Collaboratore di mezzi di informazione;
Impiegato in aziende internazionali o in rapporti con l'estero; Corrispondente in lingue estere e professioni assimilate;
Impiegato in agenzie di servizi (traduzioni, interpretariato consecutivo, organizzazione di eventi); Personale di segreteria di alto livello;
Collaboratore museale e/o bibliotecario, addetto alla comunicazione in enti culturali, teatrali e lirici.