Geografia culturale e itinerari (2012/2013)

Codice insegnamento
4S02899
Docente
Lucia Masotti
Coordinatore
Lucia Masotti
crediti
6
Settore disciplinare
M-GGR/01 - GEOGRAFIA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
I semestre dal 2-ott-2012 al 12-gen-2013.

Orario lezioni

I semestre
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 17.30 - 19.00 lezione Aula 2.6  
martedì 13.00 - 14.30 lezione Aula T.6  

Obiettivi formativi

OBIETTIVI FORMATIVI
Conoscenza dei concetti fondamentali della geografia culturale e dei processi di patrimonializzazione e valorizzazione dei beni culturali alla scala regionale, italiana ed europea.
PREREQUISITI
Conoscenze generali di geografia umana; conoscenza di base della geografia dell’Italia e dell’Europa.

Programma

CONTENUTI DEL CORSO
Il corso si articola concettualmente in tre parti: introduzione alla geografia culturale (aspetti teorico-metodologici); continuità e differenze tra ‘geografia culturale’ e ‘geografia dei beni culturali’; heritage e Sistemi Locali Territoriali. I casi di studio scelti (itinerari) saranno orientati alla comprensione di differenti ambiti di applicazione.

PROGRAMMA PER NON FREQUENTANTI

TESTI OBBLIGATORI/1
Adalberto Vallega, Geografia culturale. Luoghi, spazi, simboli, Torino, UTET Libreria, 2003.
TESTI OBBLIGATORI/2
Costantino Caldo, Vincenzo Guarrasi, Beni culturali e geografia, Bologna, Patron, 1996, pp. 9-59; 113-135; 215-286.
Paola Bonora (a cura di), Slot quaderno 1, Bologna, Baskerville, 2001, pp. 1-90.
Giuseppe Dematteis, Il modello SLoT come strumento di analisi dello sviluppo locale, in Cristiana Rossignolo e Catarina Simonetta Imarisio (a cura di), Slot quaderno 3 Una geografia dei luoghi per lo sviluppo locale. Approcci metodologici e studi di caso, Baskerville Unipress, 2003, pp. 13-28.
TESTI OBBLIGATORI/3
Gli studenti possono scegliere uno dei percorsi di approfondimento, secondo le opzioni indicate di: si incoraggiano gli studenti di lingue a scegliere almeno una lettura in una lingua straniera, secondo quanto indicato nella opzione 5.
1) In lingua italiana (opzione 1) dal volume Cristiana Rossignolo e Catarina Simonetta Imarisio (a cura di), Slot quaderno 3 Una geografia dei luoghi per lo sviluppo locale. Approcci metodologici e studi di caso, Baskerville Unipress, 2003, oltre al contributo Angela Besano, “Tracce” di Slot in Provincia di Torino, pp. 29-40 (obbligatorio) deve essere scelto due dei testi indicati di seguito:

a) Federica Corrado e Cristiana Rossignolo, SLoT microurbani: una ricerca nelle periferie torinesi, pp. 41-58.
b) Raffaella Dispenza e Carlo Salone, Unico indizio: la cooperazione istituzionale. Soggetti, risorse e azioni nelle politiche di sviluppo nella bassa Val di Susa, pp. 59-82
c) Catarina Simonetta Imarisio e Cristiano Giorda, Territorialità e processi di sviluppo locale nelle valli di Lanzo, pp. 83-110.
d) Francesco Gastaldi, Capitale sociale e sviluppo locale: il Polesine, pp. 163-184
e) Marco Santangelo, I pays francesi: un modello istituzionale di formazione di Slot, pp. 185-197.

2) In lingua italiana (opzione 2) dal volume G. Galliano (a cura di), Geografia e religione. Una lettura alternativa del territorio, 2002, numero monografico della rivista “Geotema”, IV, n. 18, 2002, oltre al contributo di Graziella Galliano,
Per l'analisi del rapporto geografia-religione. La letteratura geografica, pp. 3-31 (obbligatorio), i testi indicati di seguito:

a) Flora Pagetti
, Una via di pellegrinaggio negli "Itinerari culturali" del Consiglio d'Europa: i Cammini di Santiago de Compostela, pp. 69-83
b) Francesca Casella
, Culti nuovi culti antichi fra migrazioni e turismo. L'esempio di Sestri Levante (Genova), pp. 84-90.

3) In lingua inglese (opzione 3) devono essere scelti tre tra i seguenti contributi brevi del volume a cura di David Atkinson, Cultural geography : a critical dictionary of key concepts, London-New York, IB Tauris, 2005, in parte consultabile al link: http://books.google.it/books?id=odY0kjcIlLUC&printsec=frontcover&hl=it&source=gbs_ge_summary_r&cad=0#v=onepage&q&f=true

a) Representation, di Ola Soderstorm, pp. 11-16
b) Travel/Tourism, di Mike Crang, pp. 34-41
c) Space/place, di Phil Hubbard, pp. 41-48
d) Landscape, di Don Mitchell, pp. 49-57
e) Citizenship, di Darren O’Byrne, pp. 135-140
f) Heritage, di David Atckinson, pp. 141-150
g) Diaspora, Anne-Marie Fortier, pp. 182-187

4) In lingua francese (opzione 4) devono essere scelte le seguenti quattro voci ‘Lieu’ tratte da
Jacques Lévy et Michel Lussault (a cura di), Dictionnaire de la géographie et de l’espace des sociétés, Paris, Belin, 2003, di cui si può prendere parziale visione ai link indicati:
Augustin Berque, ‘Lieu’ 1 (http://www.espacestemps.net/document408.html).
Nicholas J. Entrikin, ‘Lieu’ 2 (http://www.espacestemps.net/document411.html).
Jacques Lévy, ‘Lieu’ 3 (http://www.espacestemps.net/document414.html).
Michel Lussault. ‘Lieu 4’ (http://www.espacestemps.net/document416.htm)

Il programma per i frequentanti verrà indicato nel corso delle lezioni.

Modalità d'esame

Orale.