Diritto pubblico dell'economia (2012/2013)

Codice insegnamento
4S00912
Crediti
9
Coordinatore
Francesco Palermo
Settore disciplinare
IUS/09 - ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO
Lingua di erogazione
Italiano
L'insegnamento è organizzato come segue:
Attività Crediti Periodo Docenti Orario
Modulo 1 3 I semestre Francesco Palermo
Modulo 2 3 I semestre Daniele Butturini
Modulo 3 3 I semestre Matteo Nicolini

Orario lezioni

I semestre
Attività Giorno Ora Tipo Luogo Note
Modulo 1 lunedì 11.30 - 13.00 lezione Aula T.8 dal 2-ott-2012  al 27-ott-2012
Modulo 1 martedì 11.30 - 13.00 lezione Aula 2.4 dal 2-ott-2012  al 27-ott-2012
Modulo 1 giovedì 11.30 - 13.00 lezione Aula 2.4 dal 2-ott-2012  al 27-ott-2012
Modulo 2 lunedì 11.30 - 13.00 lezione Aula T.8 dal 29-ott-2012  al 25-nov-2012
Modulo 2 martedì 11.30 - 13.00 lezione Aula 2.4 dal 29-ott-2012  al 25-nov-2012
Modulo 2 giovedì 11.30 - 13.00 lezione Aula 2.4 dal 29-ott-2012  al 25-nov-2012
Modulo 3 lunedì 11.30 - 13.00 lezione Aula T.8 dal 26-nov-2012  al 12-gen-2013
Modulo 3 martedì 11.30 - 13.00 lezione Aula 2.4 dal 26-nov-2012  al 12-gen-2013
Modulo 3 giovedì 11.30 - 13.00 lezione Aula 2.4 dal 26-nov-2012  al 12-gen-2013

Obiettivi formativi

Modulo:
-------
Il corso introduce allo studio del diritto pubblico, dei sistemi giuridici e della regolamentazione pubblica delle attività economiche, mediante il ricorso alla comparazione giuridica.

Programma

Modulo:
-------

Il corso si propone di fornire allo studente gli strumenti necessari per la comprensione del fenomeno giuridico, concentrandosi, in modo particolare, sui concetti, sulle definzioni e sugli istituti più rilevanti del diritto pubblico e costituzionale e del diritto dell’economia.
A tal fine, una parte del corso sarà dedicata all’introduzione al fenomeno giuridico e al diritto pubblico. Si esamineranno i concetti di famiglia giuridica, l’evoluzione delle forme di esercizio del potere pubblico (forme di stato e di governo), le sue articolazioni su base territoriale (stati federali, regionali) e l’incidenza che su di esse ha il processo di integrazione europea. I principali istituti del diritto pubblico, gli organi costituzionali e le fonti di produzione del diritto saranno analizzati in prospettiva comparata, anche al fine di familiarizzare gli studenti con la cultura giuridica espressa dalle principali aree linguistiche studiate (quella anglo-americana, quella francese, quella tedesca, ecc).
Procedendo dal generale al particolare, una seconda parte del corso esaminerà le tipologie e gli strumenti di tutela dei diritti, prestando attenzione particolare a quelli che, fra essi, maggiormente risentono dell’incidenza delle misure di contenimento della spesa pubblica (diritti sociali). Anche in questo caso, saranno offerti riferimenti alle diverse culture giuridiche e alla diverse manifestazioni dei diritti che esse esprimono.
Infine, una terza parte del corso analizzerà i rapporti tra stato ed economia. Particolare attenzione sarà dedicata al diritto dell’Unione europea – che ormai disciplina la gran parte delle attività regolative dei soggetti pubblici nell’economia – e la c.d. finanza pubblica (poteri distributivi dei poteri pubblici, spesa pubblica, pareggio di bilancio, relazioni intergovernative finanziarie) e le recenti riforme che, a livello sovranazionale, impongono la riduzione dei disavanzi eccessivi.

Testi consigliati
Studenti frequentanti
- M. Cartabia (cur.), Dieci casi sui diritti in Europa. Uno strumento didattico, il Mulino, Bologna, 2011;
- S. Cassese (cur.), La nuova Costituzione economica, Laterza, Roma-Bari, 2012 (tranne il cap. VI).
Studenti non frequentanti
- G.F. Ferrari (cur.), Atlante di Diritto pubblico comparato, UTET, Torino, 2010 (con esclusione dei capitoli X, XI, XIII);
- M. Cartabia (cur.), Dieci casi sui diritti in Europa. Uno strumento didattico, il Mulino, Bologna, 2011;
- S. Cassese (cur.), La nuova Costituzione economica, Laterza, Roma-Bari, 2012 (tranne il cap. VI).

Modalità d'esame

Modulo:
-------
L’esame si articolerà come segue:
- tutti gli studenti saranno sottoposti ad un questionario a risposta multipla;
- coloro che supereranno la prova scritta potranno registrare il voto;
- chi, invece, desiderasse migliorare la valutazione dello scritto, potrà sottoporsi ad un colloquio (facoltativo) che verterà sull’intero programma e che si svolgerà immediatamente dopo la correzione dei questionari. In caso di mancato superamento della prova orale o di mancata accettazione del voto definitivo, la prova scritta non potrà essere tenuta valida per gli appelli successivi e l’esame dovrà pertanto essere ripetuto interamente.

Materiale didattico
Titolo Formato (Lingua, Dimensione, Data pubblicazione)
FORME DI GOVERNO  pptxpptx (it, 91 KB, 26/11/12)
IL FEDERALISMO FISCALE IN ITALIA  pdfpdf (it, 156 KB, 03/12/12)
SENTENZA CORTE EDU CROCIFISSO  pptxpptx (it, 80 KB, 28/11/12)
TUTELA MULTILIVELLO  pptxpptx (it, 812 KB, 28/11/12)
DIRITTO PUBBLICO ECONOMIA - CRISI STATI  pdfpdf (it, 1691 KB, 27/11/12)
Schema su: Il diritto penale dinanzi alla crisi economica fra crisi del legislatore e supplenza pretoria. Spunti per una riflessione metagiuridica  docxdocx (it, 12 KB, 29/11/12)