Germanic Cultural Studies and Mentalities

Peter Erwin Kofler
Associate Professor
Skills
Topic People Description
Translation in Performance Peter Erwin Kofler
Translation in Performance Traduzioni per il teatro europeo Convegno internazionale Verona, 9-11 dicembre 2010 Secondo la nota definizione di Roland Barthes il teatro è una «macchina cibernetica» che mette lo spettatore di fronte ad una «polifonia di informazioni» simultanee e transitorie, analogiche e digitali, per cui la rappresentazione di un testo teatrale costituisce un «atto semantico di particolare densità», la cui teatralità consiste, per Erika Fischer-Lichte, non tanto nell’interpretazione, quanto nella presentazione del corpo nella sua espressività verbale e gestuale ad un pubblico di spettatori che in questo modo viene indotto a riflettere sulla propria cultura come sistema di produzione di segni. A teatro tutto, anche il linguaggio, è azione. Sulla scena le azioni non vengono soltanto compiute, ma anche commentate e, in più, si agisce per mezzo delle parole. L’arte, intesa a partire dagli anni sessanta del secolo scorso come evento, ha contribuito in modo decisivo al superamento degli approcci esclusivamente ermeneutici e semiotici in favore di una «estetica della performatività» (Fischer-Lichte). Questo performative turn si basa in larga misura su un concetto di rappresentazione in cui si confondono i limiti fra significante e significato, fra soggetto e oggetto, fra autore/regista/attore e spettatore e in cui tutti i partecipanti sono variamente coinvolti in processi di trasformazione. Oggetto e insieme agente di queste trasformazioni è anche chi traduce, non testi teatrali, ma per il teatro, essendo il suo operato rivolto non ad un pubblico di lettori, ma finalizzato alla rappresentazione. «Un’opera teatrale giunge allo spettatore in una forma più volte mediata: mediata dalla traduzione e mediata dalla messa in scena della traduzione» (Greiner/Jenkins). Alla «co-presenza fisica di attori e spettatori» (Fischer-Lichte) partecipa anche il traduttore, che agisce verbalmente in modo tale da creare una «messa in scena implicita» (Turk e Höfele) o «muta» (Kowzan e Bassnett-McGuire). L’analisi di esempi concreti di messe in scena di traduzioni per il teatro dovrà contribuire a chiarire ruolo e funzione del traduttore in quanto co-soggetto della performance confrontato, più che con problemi puramente linguistici e testuali, con gli aspetti cibernetici, interculturali, sociologici, di genere, formali (verso/prosa), del rapporto tra testo principale (battute) e secondario (didascalie), che determinano l’efficacia teatrale di una traduzione creando con ciò le premesse per un «riposizionamento culturale» (Upton) della rappresentazione. Cinque sono le aree che il convegno intende coinvolgere, sia come culture di partenza che riceventi: francese, inglese, italiana, spagnola e tedesca. Le lingue ammesse al convegno sono le cinque di riferimento; ogni intervento avrà la durata massima di 30 minuti; i relatori si impegnano a far pervenire al comitato organizzatore un abstract in lingua inglese di circa 2000 battute due settimane prima dell’inizio dei lavori, e a mettere a disposizione una relazione scritta per gli atti.

Activities

Research facilities